Appalti "truccati" per 1 miliardo, la Procura: "Nessuna infiltrazione mafiosa"

Lo ha dichiarato il Procuratore Capo di Gorizia Massimo Lia durante la conferenza stampa. "Non ci sono pericoli dal punto di vista della sicurezza e non sono state registrate infiltrazioni mafiose". Le indagini coinvolgono 14 regioni italiane

"Non ci sono pericoli dal punto di vista della sicurezza", e "assolutamente non sono state registrate infiltrazioni mafiose". È questo il commento, riportato da Ansa, del Procuratore Capo di Gorizia Massimo Lia in merito alla maxi operazione "Grande Tagliamento" che coinvolge centinaia di soggetti in tutta Italia e che ha "colpito" anche la nostra regione. Le indagini sono partite dal Comando Provinciale di Gorizia circa un anno e mezzo fa e questa mattina sono state diramate le prime comunicazioni riguardanti gli esiti preliminari. 

Le indagini

Coinvolte centinaia di società

Il Procuratore Capo di Gorizia ha affermato che è "escluso al momento anche il coinvolgimento di politici". Le opere oggetto di indagine tra le altre cose, come ha ricordato Lia "non sono tutte concluse, e non ci sono provvedimenti di blocco o sequestri di cantieri, di lavori".

Potrebbe interessarti

  • Ragno violino, quali sono i sintomi e come comportarsi nel caso di morso

  • Freschi di stagione o secchi, ecco perché mangiare fichi fa bene alla salute

  • Tutti con lo sguardo verso il cielo, appuntamento questa sera con l'eclissi di Luna Rossa

  • Gusti estivi, idee per 4 ricette sfiziose a base di zucchine

I più letti della settimana

  • Porsche "impazzita" abbatte un semaforo: tragedia sfiorata in viale Miramare

  • Svizzera-Trieste: autista abbandona pullman con 55 bambini all'autogrill per andare a Jesolo

  • Tutti con lo sguardo verso il cielo, appuntamento questa sera con l'eclissi di Luna Rossa

  • Cade sulla Napoleonica: ferita dopo un volo di 20 metri

  • Auto contro linea 11 in via Foscolo: sei feriti nell'autobus (FOTO)

  • Incidente a san Giacomo: ferita donna in gravidanza, coinvolte 3 auto

Torna su
TriestePrima è in caricamento