Cronaca

Camorra a nordest, Serracchiani: "Da non sottovalutare"

Secondo la deputata del Partito Democratico "e dimensioni finanziarie del fenomeno estorsivo, le ramificazioni nazionali e internazionali e il ricorso a metodi coercitivi messi in luce dalle indagini, ci fanno capire che dobbiamo gettarci alle spalle anche solo il ricordo di Trieste come 'isola felice'

“La penetrazione ormai accertata della camorra nel tessuto economico e sociale di Trieste sta assumendo aspetti inquietanti e non sottovalutabili. La Procura in particolare, la DIA e le forze dell'ordine appaiono organi fondamentali nell'azione di contrasto e vanno sostenute in termini non solo morali, ma dotandole dei mezzi necessari a sostenere una lotta che ha fatto un salto di qualità”. Lo afferma la deputata del Pd Debora Serracchiani, commentando l'operazione condotta dalla Procura di Trieste contro il clan dei Casalesi, autori di estorsioni contro imprese e professionisti nel capoluogo giuliano.

Per Serracchiani “le dimensioni finanziarie del fenomeno estorsivo, le ramificazioni nazionali e internazionali e il ricorso a metodi coercitivi messi in luce dalle indagini, ci fanno capire che dobbiamo gettarci alle spalle anche solo il ricordo di Trieste come 'isola felice', e ciò vale anche per il resto del Friuli Venezia Giulia. Questa è la vera e attuale minaccia da cui difendersi, non certi specchietti per le allodole che – conclude - sembrano esibiti per distogliere l'attenzione da verità scomode”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Camorra a nordest, Serracchiani: "Da non sottovalutare"

TriestePrima è in caricamento