menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ferriera, Dipiazza: «Ordinanza e diffida solo l'inizio: dati drammatici dagli esami delle urine» (VIDEO)

L'assessore Polli: «La Regione ha rilasciato l'Aia ed è responsabile: è evidente l'inadempienza dell'ente controllore»

«Oltre a fare il sindaco devo anche fare il vigile ambientale nei confronti della Regione Fvg a cui, relativamente alla questione della Ferriera di Servola, abbiamo mandato una diffida ad adempiere alle sue funzioni e concludere il procedimento amministrativo relativo all’accertamento del completamento degli interventi strutturali per l’altoforno. Inoltre abbiamo emesso un’ordinanza nei confronti della proprietà della Ferriera intimando di mantenere la produzione mensile di ghisa nei limiti previsti dagli accordi, mentre da quanto dichiarato nella relazione dell’Arpa la proprietà autonomamente ha deciso da diversi mesi di non rispettare i limiti imposti di produzione».

11nov16. ordinanza diffida ferriera polli dipiazza-4

Primi provvedimento del sindaco Roberto Dipiazza sulla questione spinosa, ma sulla quale il primo cittadino, sin dalla campagna elettorale, è sempre stato chiaro: «L'area a caldo va chiusa, anche per questo stiamo creando nuove opportunità lavorative come avete appreso oggi dalla stampa». 

«Dato che sino ad oggi formalmente non è stato accertato da parte della Regione che tutto sia conforme al contenuto dell’Aia - ha spiegato il sindaco -, noi dobbiamo tutelare i cittadini e a tal fine abbiamo quindi diffidato la Regione a fare ciò che deve e intimato alla proprietà della Ferriera di rientrare nei limiti di produzione previsti».

«A questi due provvedimenti seguiranno altri perchè proprio ieri ci sono stati consegnati dall'azienda sanitaria gli studi sullo stress e le urine dei servolani comparati con i residenti a Guardiella e sono drammatici», ha concluso Dipiazza. 

11nov16. ordinanza diffida ferriera polli dipiazza-3

Nello specifico è poi entrata l'assessore all'Ambiente Luisa Polli che ha ricordato come «abbiamo ricevuto dall'Arpa i dati e appreso che da una certa data Arvedi ha alzato i livelli di produzione sopra le 34 tonnellate al mese senza però che venissero previste modifiche impiantistiche o strutturali e la Regione su questo non si è espressa. Come si vede nel grafico a Luglio si è arrivati quasi a 40 mila tonnellate. Questo nostro provvedimento non ha precedenti a livello nazionale, infatti prima i sindaci si rivolgevano direttamente alle società; in questo caso però è evidente l'inadempienza della Regione nei controlli».

Soddisfazione espressa dalle associaizoni ambientaliste con Giorgio Cecco (Fareambiente), «un primo segnale importante e credo, purtroppo, che non sarà l'ultimo», e Adriano Tasso e Ada Sancin (No Smog), «primo atto verso una Regione inerte nei confronti della società»; il Comitato 5 dicembre, con Andrea Rodriguez, ha invece sottolineato il fatto che «l'azienda si è "ritenuta svincolata", cioè si è auto certificata gli interventi, e la Regione ha controllato l'effettività di questi solo dopo sei mesi».

11nov16. ordinanza diffida ferriera polli dipiazza-5

ORDINANZA - DIFFIDA

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Giro d'Italia 2021: tre le tappe in Friuli Venezia Giulia

Ristrutturare

Superbonus 110%: i lavori necessari per richiedere l'incentivo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento