rotate-mobile
Lunedì, 27 Giugno 2022
Vendite online

In vendita sul web i registri degli orfani triestini, denunciato un 41enne

I libri dell'educatorio Teresiano sono stati ritrovati lo scorso 4 aprile in occasione di una perquisizione ordinata dalla Procura della Repubblica e effettuata dalla Polizia Locale. Delle persone inserite nei registri molte sono ancora in vita

Rinvenuti e sequestrati, dopo un'indagine coordinata dalla Procura della Repubblica, due registri ottocenteschi di un orfanotrofio triestino che non c'è più, con i nomi delle bambine e dei bambini ospiti, orfani o abbandonati. Una segnalazione arrivata a fine gennaio richiamava un post su Facebook sulla vendita di due registri che riportavano un elenco di minori nati nel XIX e XX secolo, spesso abbinati ai nomi dei genitori - morti o dai quali erano stati abbandonati -. Una lista di oltre 2500 nomi: alcuni di essi, nati nei primi decenni del '900 sono ancora in vita.

Gli investigatori, ipotizzando la potenziale provenienza illecita del materiale e l'illecito trattamento dei dati personali, avviavano l'indagine: la prima difficoltà è stata l'individuazione dell'inserzionista, perché l'annuncio era stato cancellato subito dopo la pubblicazione. Tuttavia, dopo un'attenta analisi dei dati telematici, riuscivano a focalizzare l'attenzione su un uomo (M.M., del 1981): il 4 aprile si presentavano a casa sua con un Decreto di perquisizione locale per raccogliere elementi di prova a suo carico; qui, trovavano i due registri che venivano posti sotto sequestro. M.M. veniva denunciato a piede libero per ricettazione e trattamento illecito di dati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In vendita sul web i registri degli orfani triestini, denunciato un 41enne

TriestePrima è in caricamento