menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sbloccato il cantiere a Cattinara: partenza nel 2021, il nuovo Burlo nel 2028

Ad aggiudicarsi ufficialmente l'appalto è la friulana Rizzani de Eccher per un'operazione da oltre 108 milioni. Soddisfazione della giunta Fedriga e dell'Asugi

I lavori per il nuovo ospedale di Cattinara e lo spostamento del Burlo Garofolo partiranno nei primi mesi del 2021 e vedranno la conclusione tra il 2027 e il 2028. Sono questi gli ultimi sviluppi di quello che, tra contratti stracciati, sostituzioni e lunghe pause, era diventato un vero e proprio caso. L’Azienda Sanitaria e la Regione Friuli Venezia Giulia, con la notizia dello “sblocco” dell’appalto a favore della friulana Rizzani de Eccher, chiudono il precedente contenzioso e scrivono il capitolo che dovrebbe rappresentare l'inizio di una nuova era per l'ospedale triestino.

Parola d'ordine: semplificazione

Il governatore Massimiliano Fedriga, l'assessore regionale alla Salute Riccardo Riccardi e il direttore di Asugi Antonio Poggiana sono intervenuti ad una conferenza stampa convocata oggi 22 giugno con l'obiettivo di fare il punto sul cantiere di Cattinara e, in virtù di una riflessione politica, per puntare il dito contro quegli aspetti burocratici responsabili ancora oggi di “frenare il Paese”. Sull’onda della richiesta di semplificazione già avanzata a margine degli Stati Generali di governo dal leader della Lega Matteo Salvini, anche il governatore regionale ha manifestato, prendendo ad esempio proprio la vicenda dell'ospedale triestino, la necessità di superare l’impasse che le normative e le leggi spesso impongono in occasione di procedimenti di natura giudiziaria. 

L'inizio della nuova era

L’appalto alla Rizzani de Eccher segna quindi l’inizio di una nuova era. Era il 22 maggio 2019 quando l’Azienda Sanitaria e la giunta Fedriga furono costretti a stracciare il contratto con la ditta Clea aprendo, di fatto, ai "difficili" mesi di procedure burocratiche ed infinite liste di graduatorie, in un vortice di di pareri, produzioni di documenti e del via libera dell'Anac attraverso alle direttive finali. 

Il via libera dell'Anac

“Ora ad agosto andremo a stipula – ha fatto sapere Poggiana – e nel periodo successivo potremo acquisire il progetto esecutivo. A gennaio giungeremo alla verifica e all’approvazione definitiva, così da far partire il cantiere tra i mesi di gennaio e febbraio del prossimo anno”. I lavori dureranno sei anni e dovrebbero concludersi tra il febbraio del 2027 e il gennaio dell’anno seguente (senza variazione di costi rispetto ai contratti precedenti ndr). Nel progetto è previsto anche il trasloco del Burlo. Tra la “consegna” del nuovo Cattinara e il definitivo trasferimento dell'ospedale infantile passerà circa un anno. Per quest’ultimo c’è tuttavia da registrare l’assenza di un progetto di riqualificazione e di riutilizzo della storica struttura di via dell’Istria. "Qualcosa si farà sicuramente, gli edifici vanno assolutamente recuperati" ha fatto sapere Riccardi. 

Si parte a gennaio 2021

L'importo complessivo dell'operazione "Cattinara" ammonta ad oltre 108 milioni di euro. Se i pareri degli enti terzi (tra cui la Commissione sismica e i Vigili del fuoco ndr) dovessero essere positivi, allora i lavori potrebbero partire in tempo. “Eravamo molto preoccupati – ha concluso l’assessore regionale con delega alla Sanità – ma abbiamo introdotto un’azione molto forte per poter superare le criticità. Durante questo periodo abbiamo investito molte risorse e lo sblocco del cantiere di Cattinara aprirà, in simbiosi con la necessità di snellire l'impianto burocratico, ad una nuova fase di pianificazione ospedaliera”. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Festa della mamma: origini e curiosità

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: in Fvg 68 nuovi casi su oltre 4 mila tamponi, un decesso

  • Cronaca

    Autovelox: le postazioni dal 10 al 16 maggio

  • Cronaca

    Migrante "picchiato dalla Polizia", per il Tribunale di Roma non c'è nessuna prova

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento