L'inaugurazione / Barriera Nuova - Città Nuova / Via Giovanni Pascoli

In via Pascoli nasce l'ospedale di comunità

La struttura è stata inaugurata dopo la sperimentazione avviata l’anno scorso. E' destinata a pazienti residenti o con domicilio sanitario nell'area giuliana

TRIESTE - Dopo una fase sperimentale, è stato presentato oggi, presso l'Itis, l’ospedale di comunità. Alla presentazione hanno preso parte il presidente dell’Azienda pubblica di Servizi alla Persona ITIS Aldo Pahor, il direttore generale ASUGI Antonio Poggiana, l’Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Trieste Massimo Tognolli, il Presidente della Fondazione CRTrieste Massimo Paniccia e l’Assessore regionale alla salute, politiche sociali e disabilità Riccardo Riccardi.

Cos'è l'ospedale di comunità e a chi è destinato

L'ospedale di comunità è una struttura di ricovero breve per pazienti che necessitano di interventi sanitari a bassa intensità clinica, potenzialmente erogabili a domicilio, ma che necessitano di assistenza/sorveglianza sanitaria infermieristica continuativa, anche notturna, non erogabile a domicilio stesso. Una struttura quindi con funzione intermedia tra la cura domiciliare e il ricovero ospedaliero, destinata a pazienti residenti o con domicilio sanitario nell'area giuliana.

Quanto dura il ricovero

Il ricovero dura di norma tra i 15 e e i 20 giorni, con estensione massima ai 30 giorni, a seconda delle esigenze del paziente. Un team di diversi esperti medici decide il piano di cura entro 72 ore dall'arrivo del paziente. La proposta di durata del ricovero, comunque entro i limiti stabiliti, può essere modificata dal responsabile medico che può aumentare o ridurre i giorni proposti in relazione alle condizioni cliniche del paziente o per altre motivazioni che potrebbero incidere negativamente sullo stato di salute dello stesso. Nell'ospedale di comunità, gli infermieri e il personale medico sono sempre presenti per assistere i pazienti: ITIS fornisce il personale infermieristico e gli operatori sociosanitari, mentre Asugi garantisce l'assistenza medica. Gli arredi e le attrezzature sono state finanziate dalla Fondazione CRTrieste.

La sperimentazione

La prima fase di sperimentazione, avviata il 20 dicembre 2022 prevedeva occupazione dei primi 20 posti letto. Successivamente, da febbraio 2023 sono stati aggiunti ulteriori 20 posti letto. Dal 20 dicembre 2022 al 31 luglio 2023 sono state accolte presso l’Ospedale di Comunità 378 persone, con una degenza media di 19 giorni a paziente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In via Pascoli nasce l'ospedale di comunità
TriestePrima è in caricamento