Cronaca

Salute, Telesca: «Attività di riabilitazione sempre più centrali»

Oggi presso il Polo tecnologico dell'Ospedale Maggiore di Trieste la cerimonia di intitolazione a Vittorio Zucconi la Struttura di Medicina riabilitativa all'Ospedale Maggiore di Trieste

In occasione dei 50 anni dalla nascita del reparto di Riabilitazione e dei 40 anni dall'avvio della Scuola per terapisti della Riabilitazione, oggi, presso il Polo tecnologico dell'Ospedale Maggiore di Trieste, si è svolta una cerimonia di intitolazione della Struttura complessa di Medicina riabilitativa al professor Vincenzo Zucconi al quale, è stato evidenziato, si deve l'istituzione della Scuola regionale in un'epoca in cui la figura del fisioterapista era, in Italia, ancora rarissima e poco integrata con gli altri servizi sanitari.

Accanto a un folto pubblico di professionisti della salute e rappresentanti del mondo delle associazioni, hanno partecipato il direttore generale dell'Azienda Sanitaria Universitaria Integrata (ASUI) di Trieste Nicola Delli Quadri, il direttore del Dipartimento di Scienze mediche, chirurgiche e della salute dell'Università di Trieste Roberto Di Lenarda, l'assessore regionale alla Salute del Friuli Venezia Giulia Maria Sandra Telesca e l'assessore comunale alle Politiche sociali Carlo Grilli.

La cerimonia si è conclusa con lo scoprimento di una targa, ad opera di un nipote di Zucconi, del direttore del reparto Valentina Pesavento e della referente dell'area riabilitativa Gabriella Lamprecht, e con una toccante esibizione del coro degli afasici dell'Associazione per la lotta all'ictus cerebrale Alice FVG-Trieste Onlus.

L'intitolazione a Zucconi della Medicina riabilitativa è stata l'occasione per una riflessione sull'evoluzione, in questi 50 anni, delle professioni sanitarie e, in questo contesto, sulle competenze del fisioterapista che sono andate ampliandosi, costantemente al passo con le scoperte nell'ambito delle neuroscienze che indicano come la qualità dello stimolo dopo una lesione a carico del sistema nervoso centrale sia fondamentale per favorire un recupero della persona.

«Un processo - ha spiegato Delli Quadri - che ha portato a un miglioramento continuo della qualità delle cure per una sempre più efficace assistenza ai cittadini».

«Le intuizioni del professor Zucconi - ha affermato Telesca - hanno costituito il punto di partenza per il futuro sviluppo delle discipline riabilitative che sono concretamente valorizzate nella legge di Riordino della Sanità in Friuli Venezia Giulia».

«In una sanità che cambia, che favorisce la domiciliarità, che sviluppa l'integrazione tra servizi ospedalieri e sul territorio - ha concluso Telesca - la figura del riabilitatore e le attività di riabilitazione diventano sempre più centrali nel prendersi cura dei pazienti».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salute, Telesca: «Attività di riabilitazione sempre più centrali»

TriestePrima è in caricamento