Cena pasquale "clandestina" per otto persone: tutti multati dai Carabinieri

E'successo in zona strada vecchia dell'Istria. Sono oltre 250 i Carabinieri intenti a verificare che tutti rispettino la legge a Trieste e provincia, anche con l'aiuto di un elicottero. Nonostante il dispiego di risorse qualcuno ancora viola le stringenti norme anti contagio

Sono oltre 250 i Carabinieri intenti a verificare che tutti rispettino la legge a Trieste e provincia, anche con l'aiuto di un elicottero dell’Elinucleo Carabinieri di Belluno, ma nonostante il dispiego di risorse qualcuno ancora viola le stringenti norme anti contagio. È il caso di otto persone che si sono riunite in un appartamento in zona strada vecchia dell'Istria per organizzare una cena pasquale. Sono stati tutti sanzionati dai Carabinieri.

I fatti

Molte sono state le chiamate di cittadini che hanno segnalavano ritrovi e assembramenti in città di soggetti che avevano deciso sfidare le prescrizioni. A seguito di una di queste segnalazioni, appunto, intorno alle 17 di ieri, i Carabinieri della Stazione di Borgo San Sergio sono intervenuti presso l’abitazione in zona strada Vecchia dell’Istria. Evidentemente l’eccezionalità della situazione, i richiami dei media e delle Istituzioni a rimanere a casa, nonché la pubblicizzata intensificazione dei controlli da parte delle Forze dell’Ordine non sono stati sufficienti per non riunirsi anche quest’anno per la tradizionale cena di Pasqua.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Quasi tutti rispettano i divieti"

Nonostante qualcuno abbia voluto sfidare le restrizioni venendo sorpreso e sanzionato, nel complesso i Carabinieri ritengono che la quasi totalità della popolazione giuliana abbia ben compreso il motivo delle restrizioni e rispettato i divieti rimanendo a casa. Posti di controllo sono stati eseguiti lungo le principali arterie autostradali e nel centro cittadino con l’obiettivo di dissuadere dall’intento chi avesse ritenuto di avventurarsi in pranzi e cene da amici e parenti, in gite fuori porta o in direzione delle seconde case in costiera o fuori Provincia. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morto in Costiera, addio al presidente del gattile di Trieste Giorgio Cociani

  • Malore in acqua al Pedocin, morto bagnante di 56 anni

  • Ubriaco spacca una bottiglia sul bancone del bar e aggredisce i colleghi: tassista triestino denunciato

  • Scomparsa nel 2019, il suo cadavere a Miramare sette mesi dopo: la vittima si chiamava Karin Furlan

  • Referendum: Trieste la provincia italiana con la più alta percentuale di no

  • Incidente in galleria Carso: quattro auto coinvolte e strada chiusa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento