Orari serali e palestre occupate, l'Associazione Melara "tagliata fuori" dalla Acli

L’appello che l’Associazione Melara e il suo Direttivo: "Chiediamo un incontro per avere, in maniera chiara e trasparente, le ragioni che hanno portato all’estromissione dell’utilizzo della palestra"

palestra US Acli

Orari che slittano in fascia serale, palestre occupate da altri corsi. E' stata "beffata" così l'Associazione Melare, storica socia della U.S. Acli che conta tra i suoi scritti soci di oltre 70 anni. "Ci teniamo a sottolineare che per arrivare a denunciare quanto segue, attraverso queste righe, agli organi di stampa, significa che abbiamo, oggettivamente, compiuto ogni atto utile a continuare la proficua collaborazione e ricercato qualsiasi tipo di dialogo possibile non solo con il referente provinciale dell’US Acli Raul Bernes, bensì anche con il referente regionale e il vertice dell’Acli. Questi ultimi, che ringraziamo, hanno tentato di mediare la situazione venutasi a creare non raggiungendo ad alcuna soluzione", si legge nota stampa firmata dalla presidente dell’Associazione Melara Katia Valenti e Il Direttivo dell’Associazione.

I fatti

"Il tutto ha inizio quest’estate a seguito di un incontro avvenuto a fine agosto tra il Presidente e il Vicepresidente dell’ Associazione Melara con il referente dell’US Acli Raul Bernes. Quest'ultimo - cotinua la nota - comunicava di aver trovato soggetti terzi capaci di garantire un maggior numero di ore di utilizzo della palestra dell’US Acli e,conseguentemente, una maggiore copertura economica e quindi i soliti orari per i soci dell’Associazione Melara sarebbero mutati (erano sempre stati, da quasi vent’anni, il lunedì e il giovedì dalle 16 alle 18 e sarebbero divenuti il lunedì e il giovedì dalle 17.30 alle 19.30)".

"Nonostante il modus operandi non fosse dei migliori, in quanto ci veniva imposto in maniera unilaterale tale slittamento di orario, con i disagi che si possono immaginare (l’età media dei soci dell’Associazione è oltre i 70 anni e considerato che diversi soci si recano dalla città a Melara anche con mezzi pubblici per svolgere le attività di ginnastica e ballo), non ci rimaneva altro che accettare".

"Alla prima lezione di Ottobre l’Associazione subiva la seconda beffa. I soci hanno trovato nell’orario pattuito (ore 17.30) la palestra occupata da altri corsi storici. Sin da subito la Presidenza dell’Associazione Melara si è adoperata per avviare un colloquio con Raul Bernes e trovare una soluzione idonea per proseguire ad usufruire la palestra. Quest'ultimo, spesso, non rispondeva agli sms, alle chiamate, con un comportamento che potremmo definire al limite del “menefreghismo” e così sta continuando a fare ancora oggi. Non abbiamo mai intrapreso azioni di forza, quali occupazione della Palestra o simili Non più tardi del giorno 12 gennaio, in qualità di Direttivo dell’Associazione Melara abbiamo richiesto, tramite mail, un incontro ufficiale ed urgente con il Direttivo dell’US Acli. Ad oggi nessuna risposta. Vorremmo ricordare che “L'Unione Sportiva Acli è promossa dalle Acli per favorire, sostenere ed organizzare attività motorie, ludiche e sportive rivolte a soggetti di ogni età e di ogni condizione, con particolare attenzione alle persone più esposte a rischi di emarginazione fisica e sociale”".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Ci sembra, data la nostra esperienza, che non si sia agito tenendo conti degli elementi sopra riportati Ma non demordiamo poiché i nostri soci si sono sentiti maltrattati, alla stregua di “scope vecchie da gettar via”e perché diversi di loro, dato l’accaduto, hanno deciso di andare a fare attività altrove, facendo venir meno parecchi soci all’Associazione e quindi arrecando un danno alla stessa. L’appello che l’Associazione Melara e il suo Direttivo rivolgono con queste righe al Direttivo dell’US Acli è di potersi finalmente incontrare per avere, in maniera chiara e trasparente, le ragioni che hanno portato all’estromissione dell’utilizzo della palestra e sperare di poter ristabilire, con modalità nuove, la collaborazione che ha sempre contraddistinto i due enti, auspicando di poter riavere dal prossimo anno l’utilizzo della stessa".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morto in Costiera, addio al presidente del gattile di Trieste Giorgio Cociani

  • Primo caso a scuola a Trieste, tre docenti e 21 alunni della Gaspardis in quarantena

  • Malore in acqua al Pedocin, morto bagnante di 56 anni

  • Malore in acqua, il giovane alpinista Gianni Cergol non ce l'ha fatta

  • Ubriaco spacca una bottiglia sul bancone del bar e aggredisce i colleghi: tassista triestino denunciato

  • Referendum: Trieste la provincia italiana con la più alta percentuale di no

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento