menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Acqua a catinelle nella palestra di Largo Niccolini

Lo denuncia il Pd di Trieste. Salvati: "Manca il custode e i ragazzi del Petrarca non possono fare ginnastica. Un problema che tocca decine di impianti e palestre in città. Scaduta infatti la convenzione con APD Tergestina"

“La palestra di Largo Niccolini versa in condizioni critiche per le infiltrazioni d’acqua. La sede dell’ASD Tennistavolo Trieste-Sistiana è stata inaugurata in gran pompa dall’assessore Giorgi solo tra anni fa, e ora la società è costretta a posizionare dei secchi per raccogliere l'acqua che piove a catinelle. Ho segnalato la situazione ai competenti uffici del Comune”. Lo denuncia il capogruppo Pd nella sesta Circoscrizione comunale Luca Salvati, dopo aver svolto un sopralluogo presso la struttura in uso all’associazione dilettantistica che riunisce un’ottantina di pongisti offrendo corsi dall’amatoriale all’agonistico.

“Alle condizioni di degrado si aggiunge la mancanza del custode – spiega Salvati - cosicché quella palestra non può più essere utilizzata dai ragazzi della succursale del Liceo Petrarca che al mattino ci andavano a fare ginnastica. Un problema che tocca decine di impianti e palestre in città. Scaduta infatti la convenzione del Comune per la gestione delle palestre con APD Tergestina, il peso del pagamento dei custodi ricade sulle società sportive, che diventano titolari delle utenze e quindi – conclude Salvati - obbligati a pagare acqua, luce e gas, spese che sino a ieri spettavano al Comune”. 

A Salvati risponde la stessa Tergestina. "La convenzione della Tergestina con il Comune di Trieste non è assolutamente scaduta, bensì è in proroga fino al 30 giugno 2021, non è vero che manchi il custode tout-court. Il custode nominato dalla Tergestina c'è nelle ore dell’Asd Tennistavolo. Vero è che non c'è il custode negli orari del Liceo Petrarca, deve essere inviato dall'EDR. Avevamo suggerito all'Ente di mutuare l'esperienza dell'UTI mandando un addetto di una cooperativa, soluzione al momento non attuata. Non è vero che le associazioni sportive siano diventate titolari delle utenze. Il Comune continua a farsene carico. Inoltre, in merito ai pagamenti dei custodi che ricadrebbero sulle società sportive, è da precisare che le società non subiscono alcun aggravio dei costi, semplicemente ora pagano i custodi direttamente e non più tramite la Tergestina".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Controlli gratuiti per le donne: torna l'H-Open Week di Onda

social

Storie del territorio: perché il Friuli Venezia Giulia non è "il Friuli"

social

Risi e bisi: la ricetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento