menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Istruzione, Panariti: 6000 ore di orientamento educativo nel 2017

Il Catalogo dell'offerta orientativa è diviso in tre macro aree di contenuto: il benessere a scuola, il supporto alle transizioni e seminari formativi ed infine un'area che analizza le problematiche degli studenti di origine straniera

È stato approvato il programma annuale per la realizzazione del Catalogo regionale dell'Offerta orientativa che finanzierà oltre 6000 ore di attività entro ottobre 2017 presso gli istituti scolastici e formativi della Regione.

«La programmazione - ha affermato l'assessore a Formazione e Istruzione del Friuli Venezia Giulia, Loredana Panariti - consentirà a 41 realtà scolastiche (scuole primarie e secondarie di primo grado) di usufruire di percorsi di orientamento i cui destinatari sono studenti fino ai 15 anni d'età. Altri 63 istituti scolastici, tra scuole secondarie di secondo grado ed enti di formazione professionale, potranno invece offrire opportunità di orientamento educativo a studenti sopra i 15 anni d'età».

Nell'ambito delle risorse del Fondo sociale europeo (Fse) 2014-20, la Regione promuove e sostiene percorsi di orientamento educativo presso gli istituti scolastici e gli enti formativi del territorio regionale i cui destinatari sono giovani studenti di scuola secondaria di II grado e di I grado (in uscita) e allievi della formazione professionale. Inoltre, grazie all'utilizzo di fondi regionali, alcuni percorsi sono dedicati a giovani di età inferiore ai 15 anni (scuole primarie e secondarie di I grado), per la promozione di un intervento di orientamento di tipo precoce. «Il Catalogo regionale dell'offerta orientativa - ha aggiunto l'assessore - intende raccogliere e sperimentare in modo diffuso modelli di intervento di tipo esperienziale-laboratoriale per offrire a scuole ed enti di formazione la possibilità di realizzare percorsi orientativi di qualità, già sperimentati e standardizzati, con la copertura delle spese a valere sul finanziamento comunitario e regionale».

Il Catalogo dell'offerta orientativa è diviso in tre macro aree di contenuto. La prima riguarda il benessere a scuola e offre percorsi per la prevenzione della dispersione scolastica e per aumentare le probabilità di successo scolastico, per valorizzare il merito e i talenti degli studenti. La seconda macro area attiene il supporto alle transizioni e per questa tipologia vengono proposti percorsi a supporto dei passaggi tra cicli scolastici ad esempio tra la scuola o la formazione professionale verso il lavoro o la formazione superiore. In questa macro area trovano spazio anche seminari formativi tematici da realizzarsi in Azienda attraverso visite di scoperta economica. Infine, la macro area della scuola inclusiva propone percorsi di orientamento sviluppati con modalità idonee a sostenere le eventuali difficoltà e problematiche proprie degli studenti di origine straniera.

Tutte le tre macro aree prevedono anche percorsi di preparazione professionale per gli operatori e i docenti che hanno una durata variabile dalle 10 alle 30 ore e possono essere realizzati in orario curricolare e/o extracurricolare a scelta della scuola e sono disponibili in lingua italiana e slovena. L'attuazione delle azioni previste dal Catalogo viene curata dall'associazione temporanea AT EFFE.PI. Orientamento 2015-18, individuata dalla Regione e composta da enti di formazione professionale accreditati.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

"Brodo brustolà", antica ricetta della tradizione contadina triestina

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: 277 casi e sette decessi, calano ricoveri e isolamenti

  • Cronaca

    Ristori per far fronte alla crisi, le osmize riceveranno 700 euro

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento