Lunedì, 18 Ottobre 2021
Cronaca Via Pietro Mascagni

Carenze nel nuovo polo della Polizia in via Mascagni, Silp Cgil e Uil ottengono l'impegno di Pansa

Ieri, in seguito alla cerimonia di inaugurazione del nuovo Centro polifunzionale della Polizia in via Mascagni, le segreterie provinciali Silp Cgil e quella Uil Polizia sono riusciti a illustrare al capo Alessandro Pansa e al diettore centrale per le specialità tutte le carenze denunciate nel cosrso degli anni

«Nonostante le ingenti somme stanziate per realizzarlo, il nuovo complesso di San Sabba che ospita, tra l’altro, la nuova sede della Polizia Stradale di Trieste, evidenzia, all’atto della sua inaugurazione ufficiale, tutte le carenze denunciate nel corso degli anni dal sindacato. Limiti nella sicurezza e nelle difese passive, inosservanza delle normativa per l’accesso delle persone disabili, fragilità di alcune strutture persino a fronte delle più ricorrenti intemperie atmosferiche, residui di materiali nocivi, inadeguatezza del sistema di vigilanza e del corpo di guardia, il quale è da anni indecorosamente sistemato in un container privo dei più elementari servizi per l’unico poliziotto comandato ad operarvi».

Ieri, in seguito alla cerimonia di inaugurazione del nuovo Centro polifunzionale della Polizia in via Mascagni, le segreterie provinciali Silp Cgil e quella Uil Polizia sono riusciti a illustrare al capo Alessandro Pansa e al diettore centrale per le specialità tutte le carenze denunciate nel cosrso degli anni. 

20feb16. capo polizia pansa centro polifunzionale-2«Dopo tanto scempio e sperpero, non era possibile limitarsi a tributare il doveroso e affettuoso omaggio al nostro collega Luigi Vitulli caduto in servizio nella nostra città, al quale il complesso di San Sabba è stato intitolato. Era necessario, e questo abbiamo fatto, segnalare il nostro disappunto e protestare in modo civile e rispettoso nei confronti dei familiari di Luigi, per iniziare a rimediare al cattivo uso di pubblico denaro che è stato fatto nel corso degli anni. Mentre altri - chiaro il riferimento alla protesta del Sap fuori dalla struttura -, con le solite bandierine, perseverano nell’inscenare proteste degne di miglior causa, noi abbiamo stigmatizzato che tanti sono i pericoli ed i problemi che incidono sul tenore di vita ed il futuro dei cittadini poliziotti. Gli stessi “indipendenti” che, a dispetto della proclamata autonomia da tutto, sono vittime di iper-presenzialismo mediatico e nessun risultato concreto. Quelli che svendono le energie del secondo sindacato della polizia ad una ben individuata parte politica (quella con la memoria corta), e che danno corpo ad un sindacalismo fatto solo di invettive strumentali e profezie di sciagura, poi puntualmente smentite dai fatti e dai risultati dalla lotta del sindacato vero. Non ultima quella sul fondo per l’efficienza istituzionale anno 2015».

«A seguito della consegna di un nostro documento congiunto, che segnala le gravi disfunzioni delle opere realizzate e le priorità di intervento, ad iniziare dalla collocazione di un corpo di guardia dignitoso e funzionale e dall’approntamento delle misure a favore del pubblico disabile, il Capo della Polizia e il Direttore Centrale, ovviamente ignari di quanto poi gli abbiamo mostrato accompagnandoli in una breve visita per il comprensorio - concludono Silp Cgil e Uil Polizia -, hanno assicurato il loro fattivo, personale, impegno per i primi provvedimenti risolutivi. I selfie e la propaganda li lasciamo ad altri».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carenze nel nuovo polo della Polizia in via Mascagni, Silp Cgil e Uil ottengono l'impegno di Pansa

TriestePrima è in caricamento