Cronaca

Parte il piano antiterrorismo a Monfalcone: sicurezza e controllo

A due passi da Trieste, a Monfalcone, il questore Lorenzo Pillinini fa scattare un piano di intensificazione dei controlli da parte delle forze di polizia dopo i fatti di Dacca in Bangladesh

Nella c.d. Città dei cantieri, Monfalcone, a due passi da Trieste, scatta il piano antiterrorismo. Dopo i fatti di Dacca, in Bangladesh, che hanno visto la morte di 9 nostri connazionali, due dei quali cittadini del Friuli Venezia Giulia, il questore di Gorizia Lorenzo Pillinini ha deciso di rafforzare l'attenzione sulla città di Monfalcone.

Regno dei cantieri navali e non solo, Monfalcone conta più di 28.000 abitanti, con una numerosa presenza di cittadini di religione musulmana, oltre 2500 unità, in larga parte giovani uomini, operai ai cantieri.

Proprio per questo il questore Pillinini ha chiesto la collaborazione attenta di tutti i Comuni dell'Isontino, in maniera tale da rendere più fitta la rete di controllo che in questo periodo si rende tagicamente necessaria. Forte rimane la collaborazione tra la comunità bengalese e le forze di polizia per interessi comuni quali la sicurezza e la segnalazione delle possibili mele marce.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parte il piano antiterrorismo a Monfalcone: sicurezza e controllo

TriestePrima è in caricamento