Cronaca

Il PD attacca la Giunta: "Nessuna strategia per il futuro di Trieste"

Grim, Barbo e Famulari in una nota congiunta affermano "preoccupazione per la mancanza di una strategia complessiva negli interventi sulla fascia di città che va da Barcola alla Lanterna, incluso ovviamente Portovecchio". I "nodi" delle azioni Hera e l'illuminazione a Melara e Opicina

“Vogliamo vedere la delibera d'indirizzo sulla riqualificazione del waterfront di Trieste. Il Pd presenterà una mozione in proposito”. Lo ha affermato la consigliera comunale del Pd Antonella Grim, esprimendo “preoccupazione per la mancanza di una strategia complessiva negli interventi sulla fascia di città che va da Barcola alla Lanterna, incluso ovviamente Portovecchio. Quella è la parte di Trieste che trainerà lo sviluppo di un territorio molto esteso per i prossimi 50 anni: è impensabile affidarsi a interventi spot, slegati e senza un progetto d'insieme. Esponenti della maggioranza hanno dichiarato che questo documento c'è, allora lo si faccia conoscere e discutere”.

"La giunta svende i gioielli di famiglia"

A proposito dell'alienazione delle azioni di Hera, il consigliere Giovanni Barbo ha detto che “sono i nostri gioielli di famiglia e la giunta Dipiazza li svende, in uno dei momenti peggiori per la finanza italiana, per far cassa e comprarsi consenso realizzando opere di ordinaria amministrazione. L'anno scorso avevano già alienato azioni per 5 milioni, quest'anno giocano al rialzo e i milioni diventano quasi 7 e mezzo. Ricordo che quando ci stringevano i vincoli del patto di stabilità, la giunta Cosolini ha venduto per 3 milioni in 5 anni”.

"Un'ora di riunione per non farci mettere qualche lampione in più a Opicina e Melara"

Per Laura Famulari “c'è stata un'altra prova di forza del centrodestra di cui è stato vittima l’assessore al bilancio Giorgio Rossi. Non solo si rifiutano di far passare un emendamento del Pd già accolto dalla Giunta, ma si mettono pure in contraddizione con quanto predicano, visto che più illuminazione a Melara e a Opicina significa più sicurezza. Hanno dovuto fare una riunione di maggioranza di un’ora per impedirci di mettere qualche lampione in più a Trieste”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il PD attacca la Giunta: "Nessuna strategia per il futuro di Trieste"

TriestePrima è in caricamento