Sabato, 25 Settembre 2021
Cronaca Riva Traiana

Pestaggio fuori l'Ausonia, la security: «Agevolato riconoscimento degli aggressori»

La società replica alle accuse mosse alla security del locale: «Intervenuti ad aggressione già conclusa. Grazie all'aiuto dei presenti la sicurezza ha riconosciuto gli aggressori, frequentatori sporadici del locale, memorizzando anche la targa dell'auto»

Interviene la società che gestisce la sicurezza all'Ausonia a seguito della notizia della violenta aggressione di un ragazzo: «Collaborariamo da ormai tre anni con l'Ausonia e di episodi violenti come questi non se ne sono mai visti, è un locale considerato sicuro proprio per la massima sicurezza assicurata ai clienti dai nostri dipendenti».

«Ciò che vorremmo mettere in videnza - continuano - è il fatto che la security non abbia in alcun modo agevolato la fuga degli aggressori, anzi, ha collaborato attivamente affinchè questi venissero identificati mentre si stavano allontanado dal luogo della violenza. La sicurezza è stata chiamata una volta ultimata l'aggressione, con il ragazzo già a terra, mentre il gruppo stava andando via. Grazie alle persone presenti si è cercato di ricostuire l'accaduto e, complice il fatto che questi erano sporadici frequentatori dell'Ausonia, (senza aver creato ma alcun problema - viene sottolineato dalla società), si sono riconosciuti i responsabili prendendo peraltro la targa dell'auto. Immediatmente sono stati allertati sia il personale del 118 che le Forze dell'Ordine, cun cui i nostri dipendenti hanno attivamente collaborato per dare un volto agli aggressori».

«La sicurezza - conclude la società.- , peraltro già numerosa all'interno del locale, verrà ulteriormente ampliata, cercando inoltre di intensificare i controlli. Inoltre vogliamo sottolineare come la società è e sarà in futuro sempre disponibile a confrontarsi e collaborare attivamente con le Forze dell'Ordine nel corso delle indagini».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pestaggio fuori l'Ausonia, la security: «Agevolato riconoscimento degli aggressori»

TriestePrima è in caricamento