Online una petizione per il diritto di istruzione dei bambini diversamente abili

La petizione è stata lanciata sul sito change.org dai genitori di Martin, un bimbo di quattro anni con la Sindrome di Down

Lanciata dai genitori di Martin, un bimbo di 4 anni con la Sindrome di Down, "Diversamente abili ma con lo stesso diritto di frequentare le scuole del proprio Paese" è la petizione dedicata al diritto di istruzione dei bambini diversamente abili. Il fine è quello di ottenere un confronto per discutere e rivalutare le modalità di tutela dell’istruzione. Qui il link dove firmare. Di seguito testo integrale della lettera che accompagna la petizione:


Perché violare i diritti di Martin è anche violare i diritti dei Tuoi bambini.

Siamo i genitori di Martin, il nostro amato bimbo di 4 anni ha la Sindrome di Down. Mi chiamo Antonio Davide Orio e abito con mia moglie Ombretta e il nostro Martin a Mandello del Lario. Essere genitori non è un compito facile e lo è ancora meno quando si è consapevoli del fatto che il proprio bambino deve affrontare maggiori ostacoli e situazioni difficili a causa di un cromosoma che lo rende diversamente abile.

Tutto quello che dovrebbe essere semplice e scontato, per il Tuo bambino potrebbe non esserlo, come una semplice iscrizione a scuola, la ricerca di un posto per lui, la garanzia che abbia lo stesso trattamento, cura ed accoglienza che ricevono tutti gli altri bambini. Martin si è, infatti, ritrovato a dover frequentare un istituto lontano dal suo paese di residenza. Nostro figlio avrebbe dovuto frequentare l'asilo nel suo paese in modo da sviluppare amicizie con i suoi compagni di classe, amicizie importanti al fine di creare varie relazioni interpersonali, anche al di fuori delle mura scolastiche, in modo da favorire una vera integrazione con le persone del luogo in cui vive. Tutto questo, però ,gli è stato negato.

Forse non avete mai sperimentato una preoccupazione di questo tipo, simile a quella che noi stiamo affrontando ora, ma siamo certi del fatto che abbiate anche voi provato cosa significa vedersi negati i propri diritti,subire il contrario di quanto la Legge stabilisce e sentirsi abbandonati da chi dovrebbe garantirne l'applicazione.

La presente è quindi una petizione di sensibilizzazione che verrà presentata al Presidente della Repubblica, al Presidente del Consiglio,al Presidente del Senato, al Presidente della Camera e al Santo Padre e ad altre Istituzioni Italiane ed Europee al fine di ottenere un confronto per discutere e rivalutare le modalità di tutela dell'istruzione in favore dei bambini/ragazzi diversamente abili, in modo da renderle certe e concrete.

Violare i diritti di Martin è anche violare i diritti dei Tuoi bambini.

Aiuta Martin e indirettamente aiuterai tutte le persone che vivono o hanno vissuto situazioni discriminatorie simili nel portare avanti un ideale comune, basta solo una firma. Uniti possiamo cambiare queste ingiustizie. Grazie

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Famiglia Orio

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morto in Costiera, addio al presidente del gattile di Trieste Giorgio Cociani

  • Primo caso a scuola a Trieste, tre docenti e 21 alunni della Gaspardis in quarantena

  • Malore in acqua al Pedocin, morto bagnante di 56 anni

  • Malore in acqua, il giovane alpinista Gianni Cergol non ce l'ha fatta

  • Ubriaco spacca una bottiglia sul bancone del bar e aggredisce i colleghi: tassista triestino denunciato

  • Referendum: Trieste la provincia italiana con la più alta percentuale di no

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento