menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Piacere di conoscerti": l'integrazione attraverso la fotografia

Il progetto ha coinvolto gli immigrati e i richiedenti asilo che attualmente risiedono al Villaggio del Pescatore. Hanno fotografato con i loro cellulari i paesaggi delle terre ospitanti e tutte le immagini saranno esposte da venerdì 18 dicembre al centro ICS in Viale XX Settembre. La mostra terminerà il 18 gennaio

"Piacere di conoscerti" è un progetto finalizzato all'incontro con gli immigrati, richiedenti asilo politico, ospitati nel piccolo centro del Villaggio del Pescatore nato all'inizio degli anni 50 per dare asilo agli esuli istriani. I giovani immigrati sono stati coadiuvati e invitati a fotografare, con i propri cellulari, il territorio ospitante, componendo un'interessante raccolta d'immagini che sarà in mostra assieme ad alcune testimonianze degli abitanti del Villaggio del Pescatore e degli stessi giovani ospiti.

Un'occasione per riflettere sulla condizione umana, sul desiderio di migliorare la propria vita e sull'essere profugo nell'Europa di ieri e di oggi. Un confronto sotteso tra le vicende di un tempo e quelle che vedono coinvolti gli immigrati e i profughi attuali, fuggiti o espulsi anch'essi dalle loro terre d'origine. La conoscenza diretta crea nuovi motivi di convivenza, dialogo e integrazione, imprescindibili in una società orientata globalmente alla multiculturalità.
La mostra si inaugurerà venerdì 18 dicembre alle ore 18 presso il centro culturale ricreativo ICS, con sede in Viale XX settembre 104 e sarà visitabile dal lunedì al venerdì dalle 10.00 alle 18.00. Terminera lunedì 18 gennaio 2016.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Torta rustica di polenta e verdure: la ricetta

Salute

Controlli gratuiti per le donne: torna l'H-Open Week di Onda

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Johnson&Johnson in Fvg: oltre 3500 dosi in arrivo il 15 aprile

  • Cronaca

    Covid: giù ricoveri e tasso di positività, boom di guariti

  • Cronaca

    Malore fatale in casa a 65 anni: ritrovato quattro giorni dopo

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento