Piano acustico, 5 Stelle: "La giunta protegge la Ferriera"

La portavoce del movimento pentastellato Cristina Bertoni: "C'è da preoccuparsi per la salute dei cittadini, della quale è evidente ormai che al sindaco non importa nulla, nonostante i continui proclami"

Cristina Bertoni, portavoce del M5S Trieste, che ha presentato in consiglio una serie di emendamenti al Piano comunale di classificazione acustica portato in aula dalla giunta del sindaco Dipiazza, ha espresso la sua opinione sulla bocciatura di tutte le osservazioni pentastellate: "Avevamo l'intenzione di collaborare costruttivamente alla redazione di un Piano di classificazione acustica che il Comune di Trieste avrebbe dovuto adottare da anni, ma abbiamo dovuto constatare che di fronte a questa maggioranza non c'è possibilità di dialogo costruttivo". 

"Uno schiaffo in faccia ai cittadini"

"Di fronte alle richieste del M5S di aumentare le tutele per i cittadini di Servola rispetto all'ormai conclamato e dimostrato inquinamento acustico portato dalla Ferriera e certificato da anni di misure ARPA FVG - continua Bertoni -, la maggioranza di centrodestra, capitanata da un sindaco che non teme vergogna, ha mostrato il suo vero volto di difensore degli interessi di chi gestisce impianti industriali che non rispettano i limiti di legge vigenti per quanto riguarda l'inquinamento acustico. E lo ha fatto con uno schiaffo in faccia ai cittadini che non riescono a riposare per colpa dei rumori e delle vibrazioni che da questi impianti escono quotidianamente ormai da anni, facendo approvare a maggioranza un provvedimento che esenta gli impianti industriali come la Ferriera o il depuratore di Servola dal rispettare la normativa nazionale". 

"Un regolamento che vorrebbe modificare la normativa nazionale"

"Il provvedimento approvato dalla maggioranza - ha continuato la Bertoni - nonostante il voto contrario del M5S, autorizza di fatto questi impianti a creare un danno biologico a tutta la popolazione di Trieste che abita nelle vicinanze di questi impianti, esponendoli a livelli di rumore che sono dimostrati essere illeciti rispetto alla legge italiana e nocivi in base alle raccomandazioni dell'Organizzazione Mondiale della Sanità. E aggiungendo la beffa, l'arroganza e l'ignoranza al danno, per far passare questa linea di condotta la maggioranza ha imposto l'approvazione di un regolamento comunale che vorrebbe modificare la normativa nazionale, creando un mostro giuridico che non reggerà a nessuna prova legale quando i cittadini ne chiederanno conto al Comune".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Al sindaco non importa nulla della salute dei cittadini"

La portavoce pentastellata ha espresso un'ultima considerazione: "A fronte di questo provvedimento, che per alcuni versi sembra una barzelletta, non c'è da ridere, ma da piangere, e da preoccuparsi per la salute dei cittadini, della quale è evidente ormai che al sindaco non importa nulla, nonostante i continui proclami. Ma il M5S non si arrende, e darà battaglia contro questo comportamento arrogante e irrisorio nei confronti di una popolazione che sta cominciando a non poterne più".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il ministro Speranza ha deciso: tampone obbligatorio per chi torna dalla Croazia

  • Tamponi al rientro dalle vacanze in Croazia: cosa dice l'ordinanza

  • Bonus da 600 euro, anche il consigliere regionale Franco Mattiussi tra i beneficiari

  • L'Italia e la Slovenia isolano la Croazia, l'Istria "sbotta" e scrive a Zagabria

  • Obbligo di tampone al rientro dalla Croazia, le indicazioni dell'Azienda Sanitaria

  • Nascondeva un arsenale da guerra in casa: arrestato 60enne a Muggia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento