Cronaca

Persone in isolamento mai più sole: al via la sperimentazione del piano della Regione

La sperimentazione sarà attivata dalla Regione Friuli Venezia Giulia per supportare il dipartimento di prevenzione nella sorveglianza degli isolati

Dare risposte alle persone in isolamento che spesso hanno necessità di essere accompagnate lungo il periodo della quarantena, nel quale si trovano necessariamente isolate, ma non per questo devono sentirsi sole.
È uno degli obiettivi della sperimentazione, che partirà a breve, e sarà attivata dalla Regione per supportare il dipartimento di prevenzione nella sorveglianza degli isolati. Una misura che mette insieme la risposta sanitaria con il sistema collaudato dei sindaci e della protezione civile per rendere la comunicazione più immediata e migliorare la gestione dei flussi informativi.

I disagi

Ad informare sull'impianto del progetto è stato il vicegovernatore con delega alla Salute del Friuli Venezia Giulia, Riccardo Riccardi, che ha raccolto le istanze del territorio in relazione ai disagi che incontrano i cittadini in isolamento. L'informazione è giunta nella tarda serata di ieri durante la videoconferenza con i 28 sindaci dei Comuni dell'Ambito della Carnia che l'esponente della Giunta Fedriga ha voluto incontrare, assieme ai vertici dell'Azienda sanitaria universitaria Friuli Centrale (Asufc), per fare il punto sui dati pandemici rilevati nei territori montani.

"Gli indici mostrano un contagio e una mortalità importanti nelle terre Alte e richiedono la nostra massima attenzione. Da qui la necessità di condividere il lavoro che stiamo facendo per governare insieme le piccole e numerose comunità montane. L'impianto del progetto sperimentale - ha spiegato Riccardi - coinvolge il Comune tramite i Centri operativi comunali (Coc) che hanno nel sindaco il massimo punto di riferimento  e che, attraverso operatori opportunamente formati, potranno contattare le persone in quarantena dando risposte ai problemi avvertiti dagli isolati: dal tampone di conferma al certificato di fine quarantena che tarda ad arrivare alle difficoltà legate ai luoghi dove effettuare il tampone o alle tempistiche per rifarlo la seconda volta".

Gli obiettivi

Uno degli obiettivi è di portare il progetto sui territori privilegiando le comunità più contenute dove da sempre il sindaco è punto di riferimento del cittadino, quali ad esempio l'ambito della Carnia "che vive un momento critico con oggettive condizioni di contagio elevato". I sindaci potranno avere un ruolo rilevante nel fare da tramite fra cittadini e dipartimento di prevenzione "raccogliendo le necessità dei primi per sottoporle alla struttura sanitaria, agevolando il flusso di comunicazione e l'attività del dipartimento" ha rimarcato Riccardi.

Le difficoltà

Il vicegovernatore ha sottolineato alcuni aspetti della complessità emergenziale. "Un'emergenza che sconta anche il ritardo del Paese rispetto alla digitalizzazione e un'insufficiente capacità di gestione dei flussi di informazione che sono determinanti per decidere, per governare l'aspetto di tensione sociale e consentire alle amministrazioni locali di avere informazioni adeguate oltre che fornire ai cittadini altrettante risposte pertinenti".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Persone in isolamento mai più sole: al via la sperimentazione del piano della Regione

TriestePrima è in caricamento