rotate-mobile
La battaglia sindacale

Piattaforma Logistica (Hhla Plt): i lavoratori votano lo stato di agitazione

Lo annuncia Usb: "i lavoratori rischiano di perdere 400 euro mensili e un sistema premiale basato sulle competenze"

TRIESTE - I lavoratori della Hhla Plt hanno votato lo stato di agitazione all'interno della piattaforma logistica, chiedendo la mediazione della Prefettura. Al centro della protesta, spiega Usb, dei problemi riguardanti le condizioni salariali dei lavoratori ex Gst, che "rischiano di perdere 400 euro mensili e un sistema premiale basato sulle competenze e non sulle extra presenze in azienda", dichiara Massimiliano Generutti del Coordinamento Mare & Porti Usb. In un'assemblea, organizzata ieri dal sindacato all'interno della piattaforma logistica, si è discusso anche di un'altra questione: "I lavoratori - spiega Generutti - hanno respinto l’idea di referendum proposto da Cgil Cisl e Uil che ripropone lo schema già utilizzato in Tmt: si fanno votare i lavoratori delle mansioni più leggere (uffici) contro gli operativi che sono in numero inferiore e così si sovrascrivono le loro richieste e si fa passare la linea aziendale che, nel caso di Hhla è poco più che un’elemosina".

Usb chiede inoltre di essere convocata ai tavoli e partecipare alla contrattazione, riferendo che "a larghissima maggioranza, i lavoratori hanno votato per l’apertura dello stato di agitazione, comunicazione già inviata alla Prefettura cui abbiamo chiesto un tavolo di mediazione. In questi ultimi mesi, da più parti si è sentito ripetere che il Porto di Trieste dopo i fatti del 15 ottobre dello scorso anno ha bisogno di rientrare nella normalità ma questa normalità non può essere l’extraprofitto delle aziende senza una equa ridistribuzione tra i lavoratori".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piattaforma Logistica (Hhla Plt): i lavoratori votano lo stato di agitazione

TriestePrima è in caricamento