Piazza Libertà “rinasce”, conclusi i lavori per il mega restyling da 5 milioni

Inaugurata oggi la piazza con il restyling completo, evento rimandato causa Covid. Nuova pavimentazione, viabilità modificata, percorsi dedicati alle persone disabili e sottopassaggi riqualificati che rimarranno chiusi la notte

Foto: Aiello

Piazza Libertà ha già cambiato faccia da tempo ma oggi l'area completamente riqualificata è stata ufficiamente inaugurata e presentata alla stampa. I lavori, iniziati nel settembre del 2018, si sono conclusi il 23 marzo ma a causa del Covid l'inaugurazione dell'imponente restyling da circa 5 milioni (di cui circa 2,3 milioni dal Ministero delle infrastrutture, 1,5 dalla regione e il resto dal Comune e da AcegasApsAmga) è stata rimandata a questa mattina, alla presenza del sindaco Dipiazza, dell'assessore ai lavori pubblici Elisa Lodi e i tecnici del Comune tra cui l'ignegner Enrico Cortese, responsabile unico del procedimento, e i rappresentanti delle imprese costruttrici.

"Rivoluzionata la viabilità nell'ottica di un'integrazione tra traffico veicolare e ferroviario - ha dichiarato l'assessore Lodi - vista l'antistante stazione dei treni, con marciapiedi più ampi per una miglior circolazione dei pedoni, le bici a noleggio e una maggior attenzione per i portatori di disabilità con accessi a raso ai marciapiedi e percorsi tattilo plantari in aiuto agli ipovedenti". Sono state riorganizzate anche le fermate dei mezzi pubblici con i capolinea davanti al Silos e sono stati piantati 17 nuovi alberi (Pyrus Calleriana con fiori bianchi vicino alle panchine degli autobus e Prunus Serrulata con fioritura rosa nell'area della sala Tripcovich).

Riqualificati con nuova pavimentazione e luminarie i sottopassaggi, con la novità della chiusura notturna, e modifiche sono state approntate anche ai semafori, all'illuminazione pubblica, e in alcuni tratti della zona pedonale (davanti ai palazzi Kalister ed Economo) sono stati ripristinati i masegni in pietra arenaria presenti sotto le strade in bitume. "Uno splendido biglietto da visita per la nostra città - ha dichiarato il sindaco Dipiazza - manca solo la Sala Tripcovich, ma spero di avere buone notizie nei prossimi giorni".

L'iter è iniziato nel lontano 2007 quando Dipiazza commissionò il progetto al gruppo vincitore della gara d'appalto per i servizi tecnici, composto dagli architetti triestini Polo Zelco, Luciano lazzari e Fabio Zlatich, assieme all'architetto Stanislao Ferro e allo studio Baobür, associazione di ingegneri rappresentata dall'ingegner Klaus Plattner, questi ultimi du con sede a Bolzano. In origine il progetto prevedeva di unire il giardino storico alla stazione centrale, ma sarebbe stato necessario abbattere 7 alberi, quindi si optò per la soluzione odierna e più conservativa.

I lavori sono stati diretti e coordinati dal gruppo di lavoro tecnico aggiudicatario dell’incarico originale e sono stati realizzati dal raggruppamento temporaneo di imprese composto dall’impresa di costruzioni Marii e Mazzaroli S.p.A. di Trieste in qualità di capogruppo, dall’impresa Rosso Srl di Trieste e dall’impresa Ennio Riccesi Holding Srl di Trieste. L’illuminazione pubblica e gli impianti semaforici sono stati realizzati da Hera Luce S.p.A., mentre i lavori relativi ai sotto servizi sono stati realizzati da AcegasApsAmga.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Visite Rsa e accesso ai teatri e cinema: ecco la nuova ordinanza di Fedriga

  • Fedriga firma l'ordinanza: ecco le linee guida per la gestione dei contatti a scuola

  • Stretta in Slovenia, è lockdown a metà: paese diviso in zone

  • "Un caro saluto a tutti i negazionisti": il selfie dalla Terapia intensiva di Cattinara

  • Coronavirus, in Fvg 165 nuovi contagi e un decesso

  • Con un semplice raffreddore si potrà andare a scuola senza tampone

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento