menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio

Foto di repertorio

Tenta di strangolare la moglie nella casa d'accoglienza: arrestato in flagrante

Il 36enne picchiava regolarmente la moglie anche davanti ai figli. Quando sono intervenuti i Carabinieri la donna presentava evidenti ferite al volto e al collo

Episodi di violenza reiterata nei confronti della famiglia e della moglie culminati in un tentativo di strangolamento. Queste le accuse con cui è stato arrestato dai Carabinieri in flagranza di reato il 36enne albanese D.X.

I fatti

Nella tarda serata di mercoledì 29 maggio i Carabinieri della Stazione di Trieste Rozzol hanno arrestato l'uomo nel corso di un servizio di pattuglia, su segnalazione al numero 112. I militari dell'Arma sono intervenuti nella casa di accoglienza della fondazione “Hrovatin – Lucchetta”, dove era stata segnalata un’aggressione. Giunti sul posto, i Carabinieri hanno prestato i primi soccorsi alla vittima, una donna che presentava evidenti ferite al volto e al collo. Hanno poi rapidamente raccolto le testimonianze dei presenti, in particolare degli operatori della struttura, i quali hanno riferito che dopo una violenta lite tra coniugi, il marito si era allontanato velocemente.

Le ricerche

La donna ha poi confermato di essere stata aggredita dal marito, che dopo averla percossa e aver tentato di soffocarla, era fuggito portando con sé uno dei loro figli, minorenne. Le immediate ricerche diramate a tutte le pattuglie hanno permesso, dopo circa mezz’ora, di rintracciare l’uomo, che è stato portato in caserma per più approfonditi accertamenti, mentre il figlio minore è stato riaffidato alla madre.

L'arresto

Le ulteriori notizie raccolte hanno consentito di ricostruire numerosi altri episodi di violenza perpetrati da D.X. nei confronti della moglie. I Carabinieri hanno quindi dichiarato il 36enne albanese in stato di arresto per i reati di atti persecutori e maltrattamenti contro familiari e conviventi, aggravati dall’aver commesso le violenze alla presenza dei figli minorenni e lo hanno tradotto al Coroneo, a disposizione della Procura della Repubblica di Trieste.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Fondo Ambiente Italiano: eletto il luogo più bello d'Italia

social

Il Monviso fotografato da 270 chilometri: la foto è subito virale

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid, il Friuli Venezia Giulia rimane in zona gialla

  • Cronaca

    Porto vecchio: variante urbanistica nell'Accordo di programma, sì agli investimenti

  • Cronaca

    Presidente del Consiglio regionale positivo al Covid: "Sto bene"

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Fondo Ambiente Italiano: eletto il luogo più bello d'Italia

  • Arredare

    Letto con box contenitore: modelli, costi e vantaggi

Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento