Shoah, installate 21 pietre d'inciampo, Roberti: "La loro forza arriva fino a noi"

"Queste pietre ti fanno immergere in quel periodo storico per farti capire quanto terribile sia stato e quanto dobbiamo evitare che si ripeta in futuro"

Sono state installate questa mattina le 21 pietre d'inciampo, in ricordo di altrettante vittime della Shoah, durante un percorso partito stamattina da piazza Cavana. Presenti anche le autorità cittadine, il sindaco Roberto Dipiazza, il rabbino Alexandre Meloni e l'assessore regionale alle autonomie locali Pierpaolo Roberti, che ha spiegato come "Le pietre d'inciampo, nella loro semplicità, hanno una forza incredibile. Non solo ti fanno ricordare quanto accaduto nel secolo scorso ma riescono anche a portarti alla nostra attualità. Camminando per la città, si possono vedere e conoscere, infatti, i luoghi dai quali davvero le persone sono state deportate".

Pietre d'inciampo, i commenti shock: "Iniziativa da idea nazista, in cattiva luce i condomini" 

Le 'stolpersteine', realizzate dall'artista Gunter Demnig, sono state installate su iniziativa della Comunità ebraica di Trieste in collaborazione con il Comune di Trieste e con l'autorizzazione della Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio del Friuli Venezia Giulia. "Queste pietre ti fanno immergere in quel periodo storico per farti capire - sottolinea Roberti - quanto terribile sia stato e quanto dobbiamo evitare che si ripeta in futuro".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sono un "inciampo nella quotidianità per mantenere la memoria per le future generazioni" ha ricordato Shai Misan, nipote di Diamantina Israel Misan, nata a Trieste nel 1913 e deportata ad Auschwitz dove trovò la morte. "Inciampa e pensa, inciampa e dedica cinque secondi alla vita degli altri" è stato l'invito che Shai Misan ha voluto rivolgere a tutti i presenti e in particolare agli studenti del liceo classico linguistico Petrarca di Trieste che hanno partecipato numerosi all'iniziativa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente mortale davanti al Red Baron: deceduta una ragazza di 22 anni

  • Stop al pieno oltre confine: la Slovenia mette il Fvg in zona rossa

  • Il ricordo di Sara, vittima della strada a soli 22 anni: "Un'anima pura"

  • Coronavirus: 334 nuovi casi di cui 141 a Trieste, 3 decessi in Fvg

  • Coronavirus: in Fvg 468 nuovi casi e cinque morti

  • Scuole, didattica a distanza al 50%: la nuova ordinanza di Fedriga

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento