Cronaca Viale Stazione, 26

Pineta del Carso: arrivano nuove macchine per tac e risonanza

Inoltre dal 1 gennaio 2021 cambio ai vertici al Servizio di Diagnostica per Immagini: la direzione al dottor Lorenzo Bison. Completamente rinnovata la dotazione tecnologica: Risonanze magnetiche e Tac si aggiungono alle prestazioni di radiologia tradizionale  

Policlinico Triestino S.p.A. punta ancora sul rinnovamento tecnologico. Stavolta gli investimenti si sono concentrati sul Servizio di Diagnostica per Immagini di Pineta del Carso, con una dotazione completamente rinnovata e apparecchiature di ultimissima generazione  che consentono di ampliare l’offerta sanitaria. I nuovi esami di Risonanza Magnetica ad alto campo (1,5T) e TAC (Tomografia Computerizzata multidetettore) si aggiungono alle preesistenti prestazioni di Radiologia tradizionale, Ecografia e Mammografia.

Cambio di vertice

Inoltre, dal 1° gennaio 2021 il Servizio di Diagnostica per Immagini è coordinato dal dottor Lorenzo Bison, specialista radiologo di esperienza quasi ventennale (per quindici anni collaboratore all’Ospedale Civile di Monfalcone), affiancato in Pineta da uno staff composto da 5 tecnici ed altri 3 medici. Il dr. Bison succede nell’incarico al dr. Franco Poillucci, che rimarrà in organico come consulente del servizio e al quale la società rivolge un sentito ringraziamento. Entra a far parte della squadra anche il dr. Glauco Mininel cui è stata affidata l’esecuzione degli esami mammografici.

Nuove prestazioni

“La nuova dotazione all’avanguardia permette a Pineta del Carso di erogare prestazioni sicure e di qualità pari alla gran parte degli Ospedali pubblici della regione, ampliando quindi la rete di strutture che incontrano i bisogni del paziente” - afferma Bison, che prosegue: “Oltre alle prestazioni della diagnostica tradizionale, ora possiamo anche eseguire esami complessi, come la risonanza dell’addome e della prostata. Con l’ausilio dell’ecografo, inoltre, possiamo eseguire procedure interventistiche eco guidate mirate al trattamento di patologie che interessano le grandi articolazioni: la litoclasia della spalla, l’aspirazione delle cisti di Baker del ginocchio, l’infiltrazione di farmaci o di acido ialuronico nella spalla e nell’anca, offrendo un notevole beneficio a chi è affetto da patologie dolorose e invalidanti sia acute che croniche”.

“Consideriamo particolarmente importante e strategica la presenza di un polo radiologico di alta complessità nel Comune di Duino-Aurisina, in area carsica ma anche nelle immediate vicinanze di quella isontina - afferma Guglielmo Danelon, AD del Policlinico Triestino -. Le prestazioni saranno erogate sia in regime privato che convenzionato, con appuntamenti già disponibili presso il CUP regionale”. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pineta del Carso: arrivano nuove macchine per tac e risonanza

TriestePrima è in caricamento