rotate-mobile
Martedì, 25 Giugno 2024
Cronaca

Più multe a triestini, UGL: «Basiti da dichiarazioni del Capo della Procura, emergenze ben altre»

Lo rileva in una nota l'UGL: «Siamo certi che il prossimo atto del dott. Mastelloni sarà l'eliminazione dei posteggi riservati per i veicoli privati in via Coroneo per il personale del Tribunale e davanti la Casa Circondariale per il personale di quell'Ente»

«Leggendo il quotidiano locale pensavamo ad uno scherzo agostano invece poi siamo rimasti basiti dalle "disposizioni" impartite perentoriamente e pubblicamente sull'organizzazione del lavoro della Polizia Locale di Trieste da parte del Procuratore della Repubblica dott. Mastelloni il quale lamentandosi della indisciplina degli automobilisti triestini evidenziava la scarsa incisività della Polizia Locale triestina nella repressione degli illeciti con particolare riguardo a soste, doppie file e zone carico e scarico (speriamo che si sappia che in quelle aree possono sostare tutti quelli che hanno la necessità di caricare e scaricare del materiale a prescindere dal tipo di mezzo), quindi non per guide spericolate, in stato di ebrezza o mancati rispetti dei semafori o uso di telefoni, avete capito bene soste!!!!».

Lo rileva in una nota l'UGL.

«Un fatto del genere - continua la nota -  crediamo sia unico in Italia soprattutto se si pensa che il resto della cronaca cittadina fa riferimento a rapine in farmacie, atti osceni nei giardini pubblici, un sempre più diffuso uso di stupefacenti da parte dei giovani, ma la Procura ritiene determinante inasprire l'attività repressiva delle soste - in una città dove il sistema dei parcheggi e cronicamente deficitario e la media età è particolarmente elevata - credo con questo dare maggiori rassicurazioni ai cittadini sulle condizioni di vivibilità questa città».
 
«Giova ricordare - spiega il sindacato - che il comune di Trieste - il dott. Mastelloni potrà facilmente verificare - ha a bilancio oltre 4 milioni di euro per sanzioni relative al Codice della Strada, dato costante negli anni nonostante il personale del Corpo con le funzioni di Polizia Locale sono 214 contro i 320 circa del 2006. Allora i cittadini sapranno perchè la "tolleranza zero" invocata e richiesta dalla Procura si abbatterà su di loro come già avviene in questi giorni per lo stesso input con personale anche in borghese che "rastrella" l'intero centro cittadino. L'auspicio è che il Sindaco faccia valere le prerogative organizzative dell'Ente soprattutto in quanto la Polizia Locale per lo Stato italiano non è Forza di Polizia e quindi dipende totalmente dal Sindaco. Magari si potrebbe cominciare recuperando risorse che operano presso la Procura storicamente ma altrettanto impropriamente sempre per le motivazioni più sopra espresse».
 
«Siamo certi - conclude UGL -  che il prossimo atto del dott. Mastelloni - a parte l'eventuale incriminazione di chi scrive. - sarà l'eliminazione dei posteggi riservati per i veicoli privati in via Coroneo per il personale del Tribunale e davanti la Casa Circondariale per il personale di quell'Ente oltre a sensibilizzare tutto il personale che opera in quei due palazzi sul divieto di fermata e sosta in doppia fila in via Coroneo per evitare che a pagare sia solo i cittadini che si fermano per far scendere qualcuno o recuperare un pacco e non la Casta piccola o grande che sia».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Più multe a triestini, UGL: «Basiti da dichiarazioni del Capo della Procura, emergenze ben altre»

TriestePrima è in caricamento