menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pochi anche se Agguerriti i Pensionati in Piazza Ieri

Manifestazione dei pensionati del fvg ieri sotto la sede del consiglio regionale organizzata dal cgil-cisl e uil.L’obiettivo era quello di sensibilizzare i politici regionali sul welfare o meglio lo slogan era "più welfare contro la crisi"...

Manifestazione dei pensionati del fvg ieri sotto la sede del consiglio regionale organizzata dal cgil-cisl e uil.
L'obiettivo era quello di sensibilizzare i politici regionali sul welfare o meglio lo slogan era "più welfare contro la crisi".
Concetto espresso in modo forte e chiaro dal comunicato ufficiale della triplice:
- "Invertire il rapporto tra ospedali e territorio nella ripartizione della spesa sanitaria.
- Potenziare il fondo per l'assistenza domiciliare.
- Avviare il processo di riqualificazione delle case di riposo e contrastare il caro rette.
- Esentare i redditi più bassi dagli aumenti dei ticket, delle imposte locali e delle tariffe. Approvare e attuare un piano per il contrasto al disagio nella zona montana.

Oltre mille, secondo i sindacati, le persone che hanno dato vita al presidio in piazza Oberdan, cui ha fatto seguito l'incontro tra le segreterie e i capigruppo del Consiglio regionale.
Ecco è proprio qui che si inserisce una riflessione sul tema della rappresentanza. Secondo la pubblicazione "la regione in cifre" ed. 2011 le pensioni erogate nel 2008 ( sì non sono molto aggiornate, ma riteniamo che il numero dei pensionati non sia calato) erano oltre 450.000, tra comparto privato e pubblico, tra vecchiaia e anzianità, dirette ed indirette.

Ora, diamo per buoni i calcoli dei sindacati sui mille presenti alla manifestazione di ieri; percentualmente sul totale delle pensioni erogate sono poco più dello 0,2%.

Si certo, magari un soggetto può ricevere più pensioni, ma non sono molti, certo non tutti sono sindacalizzati, vero è che avranno avuto altro di più importante da fare; magari alcuni sono malati, altri hanno i nipotini da accudire ecc..ma comunque la domanda che ci facciamo è: ma dov'erano gli altri ?

Non mettiamo in dubbio che mobilitare i pensionati di tutta la regione è quanto mai difficile, per le spese, per lo scoraggiamento che questa classe oramai debole (perché senza potere contrattuale dovuto al lavoro) sta attraversando da anni, ci pare di capire però che è una categoria che vuole contare poco.

Immaginate se sotto il palazzo della Regione ci fosse stato il 10% dei pensionati triestini?sarebbero state circa 10.000 persone, immaginate tutta piazza Oberdan e buona parte di via Carducci intasata.

Allora sì che il concetto di rappresentanza avrebbe avuto un vero successo; ma così non è stato, e finchè i politici vedranno pochi "voti" manifestare, in ben poca considerazione prenderanno le giuste e sacrosante richieste fatte.

E' una riflessione estendibile naturalmente a tutte le manifestazioni della nostra "bella addormentata" regione, ed è una riflessione che senz'altro i sindacati avranno già ben che fatto...attendiamo risposte...


Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Controlli gratuiti per le donne: torna l'H-Open Week di Onda

social

Storie del territorio: perché il Friuli Venezia Giulia non è "il Friuli"

social

Risi e bisi: la ricetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento