Cronaca

Podemo presenta la sua Trieste internazionale

La lista civica correrà alle elezioni comunali a Trieste e a Muggia. Arlon Stok: "Superare le vecchie divisioni e riscoprirsi internazionali è la chiave per il futuro"

Foto Aiello

Internazionalità, multilinguismo e attenzione al sociale. Questi sono alcuni dei punti del programma di Podemo, che si è presentato oggi all'hotel Savoia nel corso di una conferenza stampa. Un movimento "genuino, fuori dal potere triestino" che vuole andare contro al nostrano "No se pol" e che si presenterà alle prossime amministrative sia a Trieste che a Muggia. Per ora non ci sono candidati sindaco nè per il capoluogo regionale nè per il comune rivierasco, ma mentre per il primo sono escluse alleanze, per il secondo potrebbero esserci una possibilità.

Nato dall'incontro di un gruppo di triestini all'estero, Podemo punta all'internazionalizzazione di Trieste, motore fondamentale dello sviluppo. Costruire una città nuova proiettata verso il futuro, trilingue (italiano, sloveno e inglese) e capace di superare le vecchie divisioni. Secondo Arlon Stok (Sviluppo e Innovazione) è quindi ora di  "ripensare i trasporti in maniera da unire un’area urbana che ormai spazia da Ronchi a Portorose, dalle Rive a Sesana", ma anche sfruttare a pieno il potenziale del Porto Vecchio. Attenzione anche al multilinguismo, una risorsa in grado di aumentare il ventaglio di opportunità. Su questo punto, guardando all’International School di Villach, c'è la volontà di mutare il sistema scolastico verso un’educazione completamente quadrilingue in italiano, sloveno, inglese e tedesco. "Molti studi  - ha dichiarato Marco Frank (Istruzione e Lavoro) - hanno dimostrato che non solo risulta quasi naturale per i bambini apprendere più lingue nello stesso momento, ma questo innalzerà la loro capacità intellettuale e gli permetterà di essere pronti ad adattarsi alle varie situazioni, lavorative e no".

Infine l'attenzione al sociale, soprattutto per i gravi danni causati dall'emergenza pandemica. Per Patrizia Palcini (Politiche Sociali) "è necessario preparare un piano di supporto rivolto a tutti i cittadini che si troveranno in grandi ristrettezze, che non sia solo economico, ma che sia sostenuto anche una persone esperte in grado di sostenere chi è coinvolto". Tra gli obiettivi, quello di creare opportunità di lavoro e una nuova epoca di ricchezza. Nel corso della presentazione sono intervenuti Arlon Stok, Patrizia Palcini, Marco Frank e Tanja Rupel. Podemo non nasconde la vicinanza alle tematiche indipendentiste, viste come conseguenza naturale del loro programma e di Trieste.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Podemo presenta la sua Trieste internazionale

TriestePrima è in caricamento