Martedì, 21 Settembre 2021
Cronaca

Tre indagati su oltre 500 controlli nell’operazione “stazioni sicure”

Sono stati controllati 16 scali ferroviari. Diverse le sanzioni elevate per la violazione del Regolamento Polizia Ferroviaria che disciplina il comportamento degli utenti nel mondo del trasporto su rotaia.

75 operatori della Polizia Ferroviaria sono stati impegnati, ieri, sull’intero territorio regionale nella prima giornata di controlli straordinari del 2021, denominata “Stazioni Sicure”. 16 gli scali ferroviari regionali interessati e circa 500 le persone controllate, di cui tre indagate: un cittadino italiano, ad Udine, per aver violato il Daspo e 2 cittadini rumeni, a Pordenone, che hanno infranto il divieto di ritorno in città.

Diverse le sanzioni elevate per la violazione del Regolamento Polizia Ferroviaria che disciplina il comportamento degli utenti nel mondo del trasporto su rotaia. L’implementazione delle nuove tecnologie, l’utilizzo di metal detector portatili e degli smartphone per la verifica, in tempo reale, dei documenti di identità, ha permesso un disbrigo più rapido delle procedure di identificazione consentendo, all’atto dei controlli, più rapidi e snelli, elevati standard di sicurezza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tre indagati su oltre 500 controlli nell’operazione “stazioni sicure”

TriestePrima è in caricamento