rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Cronaca

Polizia a Fernetti: sequestrati 6200 litri di birra e 1300 di vino

Denunciati due cittadini rumeni. All'interno del semirimorchio frigo anche generi alimentari di origine animale l

Nel fine settimana, il personale della IV Zona Polizia di Frontiera - Settore di Trieste e del Servizio Antifrode dell'Ufficio delle Dogane di Trieste hanno sequestrato a Fernetti un carico di alcolici - 6300 litri (3540 bottiglie) di birra e 1296 litri (1728 bottiglie) di vino - di provenienza romena destinato al mercato nazionale. Due cittadini romeni, G.P. di 40 anni e I.R. di 47 anni, sono stati denunciati per violazione della normativa sulle accise. La merce sequestrata è stata affidata in custodia a una società autorizzata.

I due comunitari, provenienti dalla Slovenia, sono stati fermati da una pattuglia impegnata nelle consuete attività di retrovalico, a bordo di un complesso veicolare composto da un trattore stradale e un semirimorchio frigo, entrambi di proprietà di una ditta romena. Durante la verifica dei documenti di accompagnamento della merce è emerso che gli alcolici erano destinati a una ditta italiana non autorizzata all'importazione di tali prodotti. Si trattava, quindi, di un trasporto illecito che ha comportato anche una violazione del pagamento delle accise. Successivamente sono stati eseguiti ulteriori approfonditi accertamenti in collaborazione con il personale della locale Agenzia delle Dogane. I due cittadini romeni sono stati, perciò, denunciati per l'ipotesi di reato di cui all'articolo 43 del decreto legislativo 504/1995 (Testo Unico Accise).

All'interno del semirimorchio frigo, oltre agli acolici, si trovavano anche generi alimentari di origine animale la cui verifica sanitaria è stata demandata alle autorità competenti del luogo di destinazione di questi prodotti. Per questo motivo si è proceduto a piombare sanitariamente il mezzo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Polizia a Fernetti: sequestrati 6200 litri di birra e 1300 di vino

TriestePrima è in caricamento