Polizia Ferroviaria: 9 denunce tra Gorizia e Monfalcone

Nell'ambito dei controlli straordinari durante le festività primaverili, in tutta la regione sono state denunciate 21 persone a piede libero, altrettante le denunce ricevute, un arresto, 1.249 persone identificate, 313 treni scortati, 423 pattuglie in stazione

Sono state 9 le denunce a piede libero per diverse tipologie di reati effettuate dalla polizia ferroviaria di Gorizia e Monfalcone durante le feste pasquali e i ponti di primavera, tra il 18 aprile ed il 6 maggio scorsi. Controlli straordinari che hanno permesso al notevole flusso di viaggiatori di utilizzare i servizi ferroviari nella massima tranquillità, rendendo difficile la vita ai possibili malintenzionati.

Controlli nelle stazioni, a Trieste sequestrati cannabinoidi 

Numeri in regione

Questi i numeri della Polizia Ferroviaria in tutta la regione: un arresto, 21 persone denunciate a piede libero ed altrettante le denunce ricevute, 1.249 persone identificate, 313 treni scortati, 423 pattuglie in stazione e 169 a Bordo treno, 202 servizi antiborseggio in abiti civili in stazione e sui convogli per contrastare in particolare i furti a danno dei viaggiatori.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Contrasto dei fenomeni delittuosi

L’eccezionalità della situazione è stata affrontata attraverso la prevenzione e il contrasto dei fenomeni delittuosi e di degrado presenti in Ambito ferroviario. Molteplici le scorte effettuate dagli operatori sulle tratte regionali, nonché le scorte sui treni a lunga percorrenza. Ogni strumento tecnologico è stato messo in campo: dagli smartphone di ultima generazione, che consentono la rapida identificazione attraverso la lettura ottica dei documenti esibiti, ai metal detector portatili, ai sistemi di sorveglianza passiva, gestiti dal nuovo centro operativo compartimentale, inaugurato l’anno scorso, che è la cabina di regia di tutta l’attività della Polizia Ferroviaria del FVG. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da domani mascherine non più obbligatorie all'aperto e a distanza

  • "Frontiere aperte solo per i residenti in Fvg", l'apertura del premier sloveno

  • Geranio: i consigli per farlo crescere rigoglioso e forte

  • Addio alle mascherine all'aperto, ma a distanza di sicurezza: Fedriga firma l'ordinanza

  • Tragedia sulle rive: cinquantenne muore dopo una caduta in mare

  • Grave incidente a Capodistria: motociclista triestino perde una gamba

Torna su
TriestePrima è in caricamento