Cronaca

Polizia Locale sul territorio: 43.894 sanzioni per "sosta vietata"

Report annuale della Polizia Locale di Trieste in occasione dell'anniversario della fondazione del corpo, giunto al 153esimo anno. Il vicesindaco Fabiana Martini: «Nel tempo compiti sempre più complessi e in ausilio alle altre forze dell'ordine», ma un calo di circa il 30% degli operatori negli ultimi 10 anni

Venerdì 12 giugno, alle ore 17.30, a Opicina, si celebreranno i 153 anni dalla fondazione della Polizia Locale di Trieste (l'unica ad aver ricevuto la medaglia d'oro al merito civile in italia, ndr) con un festoso corteo partirà dal capolinea del tram accompagnato dalle note della Banda per raggiungere in Centro civico di Opicina, dove sarà inaugurato ufficialmente lo sportello operativo della Polizia locale (già attivo da circa un mese). Seguirà la consegna di alcune benemerenze ad agenti distintisi in particolari azioni di servizio.

Il sobrio programma della giornata è stato presentato ieri (giovedì 11 giugno) nella sala giunta del Comune, nel corso di una conferenza stampa alla quale son intervenuti il vicesindaco Fabiana Martini, il segretario e direttore generale Filomena Falabella e i vertici della Polizia locale con il comandante Sergio Abbate, il vice Luciano Momic e il dirigente Paolo Jerman.

Come ormai consuetudine nel corso dell'incontro sono stati resi noti anche i principali dati sull'attività e i diversi e articolati servizi svolti dalla Polizia locale di Trieste nel corso del 2014. Il vicesindaco Fabiana Martini ha tra l'altro messo in evidenza «la lunga storia della Polizia locale a servizio della città e della comunità, che nel tempo si è sviluppata con compiti sempre più complessi e in ausilio alle altre forze dell'ordine», pur dovendo far conto di un calo di circa il 30% degli operatori negli ultimi 10 anni.

«Il Report 2014 - ha concluso il vicesindaco Martini - dimostra la presenza capillare sul territorio, con un lavoro a servizio della comunità, tra la gente, ogni giorno». Il comandante Sergio Abbate ha poi sceso nel dettaglio e ha approfondito i dati del “Report 2014”, che mettono il luce le priorità legate alla prevenzione, dall'educazione alla mobilità (che ha coinvolto 75 classi per quasi 1.900 studenti e 213 ore di lezione) ai controlli per la sicurezza stradale e all'ascolto dei cittadini.

Sul fonte sicurezza da segnalare anche l'attività dei controlli notturni (21-02) con telelaser e di quelli mattinieri (5-8) con l'etilometro, oltre alle verifiche su camion e conducenti professionali, nonché su pullman turistici e scolastici.

L'ufficio mobile-vigile di quartiere ha operato per 300 giornate, con 1.500 ore di presenza sulla strada e 5-6 postazioni diverse al giorno per coprire tutto il territorio. Ben 15.200 sono state le telefonate con richieste d'intervento e segnalazioni alla sala operativa attiva 24 ore su 24 365 giorni l'anno.

Complessivamente 1460 notizie di reato hanno riguardato traffico di stupefacenti tra minori, violenza di genere, maltrattamenti familiari, occupazione abusiva di alloggi e furti. Oltre 1.100 persone sono state identificate per ubriachezza manifesta, mendicità molesta e bivacchi. 525 le sanzioni ai regolamenti comunali legate al rispetto del Verde pubblico “movida” e convivenza civile.

Sono stati complessivamente rilevati 1848 incidenti, dei quali 6 mortali (un dato quest'ultimo dimezzato rispetto all'anno precedente) e 632 con feriti. Notevole anche l'attività di controllo sui fronti commerciale, edilizio, ambientale. Il totale invece della sanzioni per divieto di sosta sono state quasi 44.000.

Infine il comandate ha sottolineato che Corpo della Polizia locale di Trieste operano attualmente 235 persone in divisa, ai quali si aggiungono 70 amministrativi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Polizia Locale sul territorio: 43.894 sanzioni per "sosta vietata"

TriestePrima è in caricamento