Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Scovato uno dei 100 latitanti italiani più pericolosi: aveva "colpito" anche a Trieste

Dodici condanne per violenza sessuale, calunnia, appropriazione indebita, truffa aggravata e ricettazione per oltre 18 anni di carcere. Il 45enne è stato rintracciato ad Alicante grazie alla Squadra mobile di Udine

 

Dodici condanne da scontare per violenza sessuale, calunnia, appropriazione indebita, truffa aggravata e ricettazione - per un totale di 18 anni e 27 giorni di carcere -, sentenze emesse a suo carico da otto tribunali italiani - Udine, Verbania, Novara, La Spezia, Roma, Velletri, Trieste e Imperia - per fatti che si sono verificati tra il 2005 e il 2015, l'inserimento nella lista dei "100 latitanti di maggiore interesse" da parte del Ministero dell'Interno. Sono questi gli elementi del curriculum criminale di Paolo Stellacci, 45enne destinatario di un mandato di arresto europeo - emesso il 9 maggio di quest'anno dalla Procura della Repubblica di Udine - scovato ad Alicante, citta della regione spagnola della Comunidad Valenciana. Le forze di polizia lo hanno rintracciato all'interno della sua abitazione. Nei prossimi giorni è prevista l’udienza per la determinazione della procedura di estradizione verso il nostro paese. 

L'ultima condanna

Stellacci è stato catturato nell'ambito dell'operazione "Wanted 3", messa a segno dalla Squadra Mobile di Udine in collaborazione con la Polizia spagnola e gli agenti del Servizio Centrale Operativo, con il coordinamento del Servizio per Cooperazione Internazionale di Polizia. L'ultimo episodio di cui è stato protagonista riguarda una condanna a 2 anni e 8 mesi, passata in giudicato, del settembre 2018, relativa a un episodio di calunnia. L'ormai ex latitante riferì alla Procura friulana fatti costituenti reato riguardanti due pubblici ufficiali in servizio nella nostra provincia. Le successive indagini hanno permesso di acclarare che le dichiarazioni di Stellacci erano false, e compiute solamente per una rivalsa nei confronti dei due. 

Arrestato latitante: a suo carico un mandato di cattura internazionale

Potrebbe Interessarti

Torna su
TriestePrima è in caricamento