rotate-mobile
Cronaca

Pordenone, censurata la “Preghiera dell’alpino”: l’ira di Matteo Salvini scorre sul web

Censurata il giorno dell'Assunta la "Preghiera dell'Alpino" a Sacile, nella chiesa del passo San Boldo, punto di riferimento proprio degli Alpini

Censurata il giorno dell’Assunta la “Preghiera dell’Alpino” a Sacile, nella chiesa del passo San Boldo, punto di riferimento proprio degli Alpini.

Il sacerdote che ha riferito di aver vietato a fine funzione di recitarla in quanto le parole esalterebbero le armi e la guerra, proponendone una versione modificata.

Gli alpini hanno rifiutato la proposta, recitandola successivamente al di fuori della Chiesa esibendo gagliardetti e vessilli.

La questione ha assunto rilevanza nazionale, con il leader della Lega Nord Matteo Salvini che sui social network ne ha parlato, stigmatizzando l’accaduto, ritendendosi «sempre più sconcertato da certi vescovi».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pordenone, censurata la “Preghiera dell’alpino”: l’ira di Matteo Salvini scorre sul web

TriestePrima è in caricamento