Porto, il neo presidente D'Agostino presentato da Serracchiani, Cosolini e Poropat

La presidente della Regione: «Un primo incontro per valutare in via preliminare tutti i temi fondanti relativi al Porto di Trieste». Serracchiani ha poi sottolineato che «la disponibilità degli Enti del territorio è massima»

«Un primo incontro per valutare in via preliminare tutti i temi fondanti relativi al Porto di Trieste». Così si è espressa la presidente del Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani al termine dell'odierna riunione, nel Palazzo della Regione, con il commissario dell'Autorità Portuale di Trieste Zeno D'Agostino. «Ci sono alcuni problemi - ha commentato Serracchiani a conclusione della riunione, alla quale hanno partecipato anche la presidente della Provincia Maria Teresa Bassa Poropat e il sindaco Roberto Cosolini - sui quali da subito deve essere puntata l'attenzione dell'Autorità Portuale giuliana: tra questi il Piano regolatore, gli investimenti nell'area di crisi industriale complessa della Ferriera di Servola, gli impegni e le prospettive di crescita dello scalo, con i progetti riguardanti l'allungamento del Molo VII, la piattaforma logistica, l'infrastrutturazione ferroviaria».

59013_1serracchianiDagostinoPortoTrieste23feb15«Un aspetto fondamentale resta comunque quello legato all'organizzazione del lavoro nell'ambito portuale - ha osservato Serracchiani - sui cui l'Autorità dovrà impegnarsi nell'immediato. In questo senso la disponibilità degli Enti del territorio è massima sia per garantire la necessaria collaborazione istituzionale sia per supportare questo processo di riorganizzazione e per accompagnare tutte le attività che sono già state impostate o che dovranno essere impostate nell'arco delle prossime settimane».

La Regione, sulla scia della suggestiva e ambiziosa idea di FVG Porto-regione, ha quindi aggiunto Serracchiani, «deve iniziare davvero a ragionare in termini di portualità allargata con tutti suoi porti, quindi anche con Monfalcone e Porto Nogaro, e con l'intero sistema intermodale (tra i punti nodali Campo Marzio a Trieste, Bivio San Polo a Monfalcone, Interporto di Cervignano) per, in prospettiva, fare di questa nostra regione una vera piattaforma logistica, che però ha bisogno di essere messa assieme, di costruire sinergie, con le Regioni ma anche con i Paesi a noi vicini: dobbiamo essere preparati a questa prospettiva».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente mortale davanti al Red Baron: deceduta una ragazza di 22 anni

  • Stop al pieno oltre confine: la Slovenia mette il Fvg in zona rossa

  • La Slovenia blocca i viaggi all'estero

  • Il ricordo di Sara, vittima della strada a soli 22 anni: "Un'anima pura"

  • Scuole, didattica a distanza al 50%: la nuova ordinanza di Fedriga

  • Piazza Libertà blindata: raffica di scontri tra manifestanti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento