Domenica, 21 Luglio 2024
Merce dalla Turchia

Porto, sequestrate batterie elettriche per quasi 40 mila euro

Il controllo della merce ha evidenziato l’omissione, sui prodotti e i relativi imballaggi, delle indicazioni relative al nome, denominazione commerciale registrata o marchio registrato e dei dati di contatto

I funzionari dell’Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli (ADM) di Trieste, Reparto Antifrode, hanno sottoposto a verifica fisica 46 colli di “Accumulatori elettrici, compresi i loro separatori” di origine e provenienza Turchia per un valore di circa 37.550 euro. Il controllo della merce ha evidenziato l’omissione, sui prodotti e i relativi imballaggi, delle indicazioni relative al nome, denominazione commerciale registrata o marchio registrato e dei dati di contatto. I funzionari hanno rilevato anche la discordanza del valore dell’amperaggio riportato sull’etichetta e su quanto dichiarato in fattura.

Su richiesta dell’Ufficio, l’importatore ha presentato ulteriore documentazione non risultata sufficiente ad attestare il possesso dei requisiti previsti sia dal Reg. UE n. 1020/2019 sia dall’art.104 del D.Lgs n. 206/2005 (Codice del consumo). I funzionari, quindi, hanno provveduto al sequestro cautelativo di 1.371 accumulatori elevando una sanzione amministrativa pecuniaria che va da un minimo di 1.500 euro fino a un massimo di 30.000 euro. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Porto, sequestrate batterie elettriche per quasi 40 mila euro
TriestePrima è in caricamento