menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Porto vecchio, pronti 5 milioni per la bonifica del terrapieno di Barcola

A darne l'annuncio questo pomeriggio l'Assessore all'Urbanistica del Comune di Trieste Luisa Polli e il sindaco Roberto Dipiazza. "Sono fondi delle UTI". I dettagli del progetto e dei lavori alla firma della convenzione con l'Autorità Portuale

"Sono 5 milioni e mezzo di Euro i fondi che utilizzeremo per dare il via ai lavori di bonifica del terrapieno di Barcola dove sorgeranno dei parco giochi, delle aree sportive e saranno di nuovo fruibili i tratti di lungomare". A dare l'annuncio sono stati l'Assessore all'Urbanistica del Comune di Trieste Luisa Polli e il sindaco Roberto Dipiazza. La delibera in tutti i dettagli verranno fornite alla stampa al momento della firma della convenzione con l'Autorità Portuale. 

"Non ci metteremo cinque anni"

"Faremo un percorso - ha dichiarato la Polli - assieme anche al Ministero dell'Ambiente per concordare un percorso che sia il più celere possibile. Vogliamo portare delle visioni progettuali smart e cercheremo di realizzare il tutto prima della scadenza della convenzione". Non sono infatti cinque gli anni di lavori, almeno secondo gli esponenti della Giunta e del sindaco Dipiazza. 

L'incognita su cosa c'è sotto terra

"Per anni - ha affermato il primo cittadino - in quella zona hanno scaricato le ceneri del vecchio inceneritore di via Monte San Pantaleone. Dopo che verranno completati i lavori della rotatori del parcheggio di via Bovedo e con l'inizio dei lavori per il terrapieno, quel tratto di riviera barcolana diventerà ancora più bello". Secondo la Polli il progetto rappresenta "il primo passo concreto per il riutilizzo del porto vecchio". Resta chiaramente da capire cosa è rimasto sotto terra, quali inquinanti e quali materiali inerti. L'analisi chimica del terreno e i diversi campionamenti daranno risposta. 

I cinque milioni e mezzo di Euro

I fondi stanziati non provengono dalle casse comunali ma dalla Regione grazie al fondo UTI. "Considerate che nella zona del terrapieno - ha continuato il sindaco - ci sono quasi 1000 ragazzi che frequentano l'area perché soci delle diverse realtà veliche e sportive. Un'occasione di buon auspicio anche per loro". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Il deserto del Sahara ricoperto di neve: le foto sono virali

social

Cucina triestina: la ricetta dei capuzi garbi in tecia

Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Veicoli Commerciali

    Mezzi pesanti: regole e limiti di velocità

  • Scuola

    Metodo di studio: i consigli per memorizzare in poco tempo

Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento