Cronaca

Poste italiane: libretti postali in crescita, 68.266 a Trieste

La nuova offerta “Supersmart” consente di effettuare degli accantonamenti a 180 e 360 giorni che, riconoscono un interesse annuo lordo rispettivamente dello 0,30 e dello 0,50 percento

In provincia  di Trieste l’apertura dei libretti postali appare in crescita. Al 31 dicembre del 2016 sono 68.266 i libretti di risparmio postali che risultano aperti. I Libretti di Risparmio Postale sono il mezzo più semplice ed economico per investire i propri soldi: non prevedono spese di gestione si possono aprire presso un qualsiasi ufficio postale. Sono emessi dalla Cassa depositi e prestiti, garantiti dallo Stato Italiano e collocati in esclusiva da Poste Italiane.

Il Libretto di Risparmio Postale può essere aperto anche con piccole somme e le cifre depositate sono sempre disponibili. I Libretti Nominativi Ordinari riconoscono un tasso di rendimento dello 0,01% annuo lordo. Gli interessi maturati vengono liquidati annualmente e se non prelevati vengono capitalizzati, cioè aggiunti alle somme depositate, producendo a loro volta interessi. I Libretti di Risparmio Nominativi Ordinari possono essere intestati ad uno o più soggetti fino a un massimo di quattro e, in caso di furto o smarrimento, nessuno può riscuotere le somme versate. E’ possibile effettuare operazioni sul libretto con la sola presentazione del titolo e di un documento di identità. Sul libretto è anche possibile accreditare le pensioni Inps e Inpdap.

Per i risparmiatori c’è pure la nuova offerta “Supersmart”, rivolta ai titolari del libretto “Smart”, che consente di effettuare degli accantonamenti a 180 e 360 giorni che, se riportati a scadenza, riconoscono al titolare del libretto un tasso di interesse annuo lordo rispettivamente dello 0,30 e dello 0,50 percento.

Al Libretto di Risparmio postale può essere associata una carta elettronica con microchip che semplifica e rende più veloci le operazioni di versamento e prelievo di denaro. La carta, emessa da Poste Italiane e realizzata insieme a Cassa depositi e prestiti, può essere richiesta gratuitamente da tutti i titolari di Libretto nominativo ordinario con facoltà di firma disgiunta. Permette di effettuare operazioni di prelievo e versamento in tutti gli uffici postali e prelievi presso i 7.000 sportelli automatici Postamat. Dal 1° gennaio 2012, i libretti intestati a persone fisiche che hanno una Giacenza Media Annua non superiore a 5.000 euro sono esenti dall’imposta di bollo di 34,20 euro.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Poste italiane: libretti postali in crescita, 68.266 a Trieste

TriestePrima è in caricamento