Cronaca

Premio Hemingway a Lignano Sepúlveda, Cacciari, Bolzonello: «Dopo tre anni scommessa vinta»

La trentaduesima edizione dell'Hemingway quest'anno ha premiato a Lignano Sabbiadoro lo scrittore Luis Sepúlveda per la letteratura, il filosofo Massimo Cacciari per "l'avventura del pensiero"

«Questo è proprio il Premio Hemingway che volevamo: dopo tre anni possiamo dire che la scommessa a cui avevamo puntato, cercando di spostare la formula tradizionale su un altro livello, è stata vinta e per questo la Regione deve un ringraziamento alla professionalità della Fondazione Pordenenolegge.it, che sa intercettare motivi, riflessioni e approfondimenti quanto mai importanti in questo presente così complesso, e alla giuria del premio che ha scelto protagonisti così interessanti nelle loro elaborazioni letterarie e artistiche».

Lo ha affermato il vicepresidente della Regione Sergio Bolzonello aprendo la cerimonia di consegna del Premio Hemingway, ospitato per la prima volta nel capiente e tutto esaurito Cinecity di Lignano Sabbiadoro.

Promosso dal Comune di Lignano con il sostegno delle Direzioni alla Cultura e alle Attività produttive della Regione Friuli Venezia Giulia, attraverso la collaborazione con la Fondazione
Pordenonelegge.it, la trentaduesima edizione dell'Hemingway quest'anno ha premiato a Lignano Sabbiadoro lo scrittore Luis Sepúlveda per la letteratura, il filosofo Massimo Cacciari per "l'avventura del pensiero" (ha consegnato il riconoscimento il vicepresidente Bolzonello), il fotografo George Tatge nella sezione racconto per immagini/fotolibro.

Lo scrittore israeliano Aharon Appelfeld, premiato nella sezione "la vita e l'opera", non era presente alla cerimonia per problemi di salute, ma ha inviato una video intervista molto intensa, resa
al presidente della giuria del Premio, lo scrittore Alberto Garlini.

A condurre l'evento di premiazione, aperto dalla lettura scenica di brani di Hemingway a cura di Massimo Somaglino, sono stati Massimo Cirri, scrittore e psicologo, autore e voce di Caterpillar su Radio2 Rai, e Marta Zoboli, attrice e cabarettista; a dialogare con i premiati oltre a Garlini anche lo scrittore Gian Mario Villalta e lo storico della fotografia Italo Zannier, componenti della giuria assieme alla presidente della Regione Debora Serracchiani e al sindaco Luca Fanotto.

«Personalità di così alto profilo qualificano il premio e lo rilanciano in una dimensione assolutamente prestigiosa. Ci auguriamo che il sostegno congiunto della direzione Cultura e delle Attività produttive permettano a questa nuova dimensione del premio di continuare a crescere», ha commentato l'assessore alla Cultura Gianni Torrenti, che ha premiato il fotografo Tatge.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Premio Hemingway a Lignano Sepúlveda, Cacciari, Bolzonello: «Dopo tre anni scommessa vinta»

TriestePrima è in caricamento