rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Cronaca

Presentato il progetto “PEGASO”: gruppi di auto aiuto e sportello psicologico a favore degli omosessuali (FOTO)

13.24 - Sulla polemica con il Segretario cittadino della Lega Roberti: «Pronti ad accogliere tutti nei progetti, i rappresentanti della Lega sono i benvenuti»

Presentato questa mattina il “Progetto Pegaso”, che già da alcun giorni sta facendo discutere e dibattere in città. Il Presidente del Circolo Arcobaleno Arcigay Daniel Saiani spiega che «il progetto è stato finanziato grazie ad un bando regionale a cui il Circolo Arcobaleno e l’Istituto Istituto Gestalt Trieste hanno partecipato a fine Febbraio. Il contributo che ci è stato erogato ammonta a 5600 €, la somma massima che la Regione ha concesso per questi particolari progetti. Oltre noi sono stati finanziati un’altra quarantina di progetti».

La psicologa Margherita Bottino, responsabile scientifica del progetto ha sottolineato come «è iniziata la ricerca delle persone che andranno poi a creare il gruppo di auto-aiuto, che avrà come punto di riferimento un facilitatore, presente nelle prime lezioni per dare una serie di suggerimenti ed indicazioni ai partecipanti. La sua presenza, successivamente, sarà sempre più rada. Gli incontri settimanali, dalla durata di due ore, dureranno dai sei ai nove mesi. I gruppi saranno aperti a tutti: omosessuali, bisessuali, transessuali, eterosessuali. vi saranno inoltre gruppi rivolti ai familiari di persone omo/bisessuali e transessuali e alle persone transessuali».

La psicologa ha voluto rimarcare l’importanza di questo progetto «considerando l’omofobia sempre più presente nella nostra società, si va dalle micro-aggressioni verso gli omosessuali, alle aggressioni vere  e proprie, fino alla questione psicologica legato al cosiddetto “stress da minoranza”, senza dimenticare la questione del bullismo omofobico che porta a numerosi abbandoni scolastici ma anche a conseguenze più tragiche, come i suicidi». «E allarme suicidi anche in Regione – aggiunge Saiani – basti pensare che l’anno corso ci sono stati ben 3 casi».

Mattia Palleva, ideatore di “Pegaso”, spiega che «il progetto sarà articolato in numerose iniziative. Oltre ai gruppi di mutuo-aiuto, è previsto uno sportello vis-a-vis in cui le persone lgbt (ma non solo) potranno rivolgersi per trovare aiuto e conforto, per confrontarsi, per esporre le proprie problematiche anche di coppia. Ci sarà anche la possibilità di poter usufruire dello sportello online via mail, anche se è preferibile l’incontro di persona».

Davide Zotti, responsabile nazionale scuola Arcigay, ha voluto evidenziare che «sono previste anche iniziative ed eventi aperti alla cittadinanza, come cineforum, presentazioni di libri e rappresentazioni teatrali per sensibilizzare i cittadini su tali tematiche. Prevista anche una tavola rotonda con le diverse istituzioni. Questo progetto vuol essere rivolto e vuole occuparsi di tutte le persone lgbt, compresi ad esempio gli anziani omosessuali delle case di riposo».

Infine, il Presidente Saiani ha voluto replicare alle accuse mosse in questi giorni dal Segretario cittadino della Lega Nord Roberti «il contributo è stato erogato in quanto abbiamo partecipato ad un bando regionale con un buon progetto. Ci è stato finanziato in quando la commissione esaminatrice ha valutato positivamente la struttura e le finalità. I rappresentanti della Lega sono i benvenuti al progetto. Ringrazio il Comune di Trieste, Sindaco e Vice-Sindaco in primis, per la collaborazione e per la sensibilità che hanno su queste tematiche. Il comune fa parte della “Rete Ready”, rete di Comuni per lottano contro la discriminazione sull’orientamento sessuale». 

Per ulteriori informazioni e prenotazioni la mail di riferimento è pegaso@circoloarcobaleno.it mentre il numero di cellulare è 3453003565; la pagina ufficiale facebook del progetto invece è consultabile cliccando qui

17ott2014. Presentazione progetto Pegaso (Foto Luca Marsi)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Presentato il progetto “PEGASO”: gruppi di auto aiuto e sportello psicologico a favore degli omosessuali (FOTO)

TriestePrima è in caricamento