Venerdì, 24 Settembre 2021
Cronaca

Il presidente della Baviera a Trieste: «Porto dalle dimensioni incredibili, regna la perfezione»

La presidente della Regione Serracchiani ha evidenziato come si colgano ora i frutti del primo incontro tenutosi a Monaco un anno fa

Un giudizio molto positivo è stato espresso al termine della visita compiuta nel Porto di Trieste dal presidente della Baviera Horst Seehofer con la presidente del Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani, accompagnati dal commissario del Porto di Trieste Zeno D'Agostino e presente anche l'assessore regionale alle Infrastrutture Mariagrazia Santoro.  

«L'impressione è fantastica, le dimensioni sono veramente incredibili e noto la perfezione che regna qui e l'impegno della presidente della Regione», ha osservato al termine Seehofer, che a bordo del Delfino Verde è stato ragguagliato dal commissario D'Agostino e da alcuni dei principali operatori portuali su caratteristiche e i vantaggi competitivi dello scalo.

La presidente della Regione ha evidenziato come si colgano ora i frutti del primo incontro tenutosi a Monaco un anno fa dal quale è scaturita la firma dell'intesa su trasporti, competitività e formazione siglata oggi a Trieste tra il Friuli Venezia Giulia e la Baviera. 

Durante la visita a Seehofer sono state illustrate in particolare le attività del porto che interessano la multimodalità, con specifico riferimento ai terminal dedicati ai traghetti turchi e al terminal contenitori.

Il presidente del Land bavarese e la presidente della Regione hanno potuto osservare le movimentazioni in corso sulla banchina del Molo VII su una nave da 12mila teu. Il terminal contenitori, anch'esso a forte vocazione ferroviaria, è in procinto di essere ampliato per 200 metri in lunghezza e 400 in larghezza e punta, come ha spiegato il presidente di Tmt (Trieste Marine Terminal) Fabrizio Zerbini, a conseguire l'obiettivo di 1,2 milioni di teu. Seehofer si è soffermato, infine, sull'illustrazione dell'attività del terminal Siot-Gruppo Tal, il cui oleodotto copre l'intero fabbisogno petrolifero del sud della Germania.

«La Baviera inizia qui», ha riconosciuto il presidente, osservando che se il Land «mezzo secolo fa era ancora uno stato agricolo e nel frattempo siamo diventati una regione industriale, tutto questo è iniziato grazie alla pipeline che parte da Trieste».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il presidente della Baviera a Trieste: «Porto dalle dimensioni incredibili, regna la perfezione»

TriestePrima è in caricamento