Presidente Consiglio comunale, ennesima fumata nera

Lega e Fratelli d'Italia propongono Everest Bertoli mentre l'altra parte della maggioranza va avanti sul nome di Massimo Codarin. Rinviata alla prossima seduta consiliare l'elezione. L'opposizione: "Allucinante"

Massimo Codarin

Ennesima fumata nera questa sera nella seduta del Consiglio comunale per l’elezione del successore dell’ex presidente, Marco Gabrielli.  Il capogruppo dei fedelissimi della Lista Dipiazza, Vincenzo Rescigno, ha chiesto il rinvio sulla decisione al prossimo consiglio.

"Allucinante", il commento dei Cinque Stelle

La richiesta ha provocato una “levata di scudi” dai banchi dell’opposizione, che con Paolo Menis dei Cinque Stelle, ha criticato la mossa della maggioranza. “È la quarta volta che parlo contro. Il Consiglio comunale non si può tenere senza presidente, è un mese che andiamo avanti con questa farsa. È allucinante”.

La maggioranza spaccata sui nomi: Codarin o Bertoli? 

I retroscena sull’elezione del nuovo presidente parlano di una riunione dei gruppi di maggioranza alla quale avrebbero partecipato Pierpaolo Roberti, Sandra Savino, Claudio Giacomelli e lo stesso sindaco Dipiazza. Da questo incontro, dove Fratelli d’Italia e il Carroccio hanno proposto l’ex forzista Everest Bertoli e, come già annunciato nelle scorse settimane, Forza Italia e Lista Dipiazza hanno portato avanti il nome di Massimo Codarin, non è uscita nessuna novità.

"Non ho nulla da chiedere", così la Savino

La coordinatrice regionale di Forza Italia, Sandra Savino, contattata telefonicamente, ha commentato così: “A parte che è stata una riunione dove si è rinviato tutto. Noi non abbiamo da rivendicare niente, è un posto che non ci compete e non posso pensar di perdere le notti per stabilire chi fa il presidente del Consiglio comunale”. Lo scenario futuro? “Non dipende da me, non è una mia proposta e non c’è nessuna proposta perché io non ho nulla da chiedere”.

In sintesi, il conclave per trovare i 21 voti necessari all’elezione del nuovo presidente del Consiglio comunale al momento, rimane avvolto dal più classico dei misteri politici, tra dimissioni, richieste partitiche e ambizioni personali.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cappotto, come scegliere il modello giusto in base alla tua silhouette

  • Malore durante l'allenamento in palestra, salvata da un infermiere in pensione

  • Trieste e Vienna sempre più vicine: in arrivo il nuovo collegamento ferroviario

  • Acqua alta sulle rive e piazza Unità, allagamenti anche a Muggia e Grado (FOTO)

  • I metodi fai da te per pulire i tappeti in modo efficiente

  • Rissa tra giovani armati di bastoni in largo Barriera, indagini della Polizia

Torna su
TriestePrima è in caricamento