Coronavirus, pronto soccorso di Cattinara in affanno

Lo dichiara il direttore del Pronto Soccorso Franco Comiotto: "Serve più spazio e più personale medico"

Il pronto soccorso dell'ospedale di Cattinara a Trieste è in affanno. E' quanto emerge dal servizio di Telequattro che ha intervistato il direttore del Pronto Soccorso Franco Cominotto. Secondo quanto dichiarato il sistema tiene a fatica: sono infatti in aumento gli accessi di persone positive al coronavirus e il numero di coloro che presentano sintomi di media o alta gravità, e che quindi necessitano di cure specifiche, è più alto rispetto alla media della scorsa primavera. Ne consegue la necessità di avere più spazi e personale. Sempre secondo quanto emerge dal servizio, il reparto è stato diviso: tre quarti della superficie è destinata ai degenti covid, il rimanente, un quarto, è riservato alle situazioni non legate all'emergenza epidemiologica. Tra gli allarmi lanciati da Comiotto anche l'età media che in questo periodo risulta essere mediamente più bassa rispetto ai mesi primaverili.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rischio zona rossa, ecco l'ordinanza Fvg: no caffè fuori dai bar e stop ad allenamenti

  • Covid, morire a 45 anni: il pizzaiolo Abbas lascia cinque figli e la moglie

  • Il Friuli Venezia Giulia rischia la zona rossa

  • Dinner cancelling: come funziona la dieta seguita da Fiorello per dimagrire

  • Caffè, asporto e consumo su suolo pubblico: i chiarimenti sull'ordinanza

  • La Regione valuta la stretta: nel mirino il caffè fuori dai bar e le cene tra amici

Torna su
TriestePrima è in caricamento