rotate-mobile
Sabato, 25 Maggio 2024
La protesta

Sit-in dei rider in piazza Goldoni: "Stufi di questo abuso di potere"

Nel pomeriggio di oggi, una trentina di rider è scesa in piazza per protestare contro il McDonald's di piazza Goldoni

Oggi pomeriggio una trentina di rider si sono dati appuntamento per un sit-in di protesta nei confronti del McDonald's di piazza Goldoni, per contestare le modalità di gestione e consegna degli ordini nei confronti dei fattorini della provincia di Trieste. Il motivo? Una questione di privacy. Stando a quanto raccontano i rider, gli impiegati del punto vendita della nota catena di fast food richiedono loro di certificare l’ordine ricevuto facendo vedere il proprio telefono. Una richiesta non prevista dai contratti che i riders - i quali sono in larga parte liberi professionisti con partita iva - hanno sottoscritto con le multinazionali di delivery con cui collaborano.

In occasione della protesta di questo pomeriggio, i presenti hanno redatto un comunicato congiunto per denunciare la situazione. “Da quando il McDonald’s di piazza Goldoni ha cambiato gestione i dipendenti hanno iniziato ad intimare a noi rider di mostrare loro il nostro telefono con all’interno la sim e i dati personali, altrimenti si rifiutano di darci l’ordine. La chat di supporto che abbiamo a disposizione non riesce a intervenire a dovere - si legge nella nota - Siamo stufi di questo abuso di potere, che ci impedisce di lavorare. Non siamo obbligati a mostrare il cellulare, difendiamo la nostra privacy. Con questi atteggiamenti i lavoratori del Mcdonald’s lasciano intendere che il loro lavoro sia più importante del nostro, mentre noi crediamo che tutti i lavori abbiano uguale dignità”.

Anche le condizioni imposte dalle aziende di consegne sono nel mirino della dimostrazione. “I compensi per chilometro sono stati quasi dimezzati negli ultimi anni, e l’algoritmo continua a considerare aperta la Galleria di Piazza Foraggi, non considerando la distanza ulteriore che noi tutti dobbiamo percorrere quotidianamente per garantire il servizio ai clienti” sottolineano i fattorini. Per dare seguito alla protesta, nel pomeriggio e nella serata di oggi i rider si sono rifiutati di consegnare gli ordini del McDonald’s di Piazza Goldoni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sit-in dei rider in piazza Goldoni: "Stufi di questo abuso di potere"

TriestePrima è in caricamento