menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

" Sviluppo Economico di Trieste" Ieri terzo Appuntamento con le Categorie alla Presenza del Ministro Clini. I Punti Affrontati

Il ministro all’Ambiente Corrado Clini ha partecipato ieri mattina nella sala del Consiglio comunale di Trieste al terzo appuntamento con il tavolo di lavoro per lo sviluppo economico di Trieste, promosso dal sindaco Roberto Cosolini. Ricordando...

Il ministro all'Ambiente Corrado Clini ha partecipato ieri mattina nella sala del Consiglio comunale di Trieste al terzo appuntamento con il tavolo di lavoro per lo sviluppo economico di Trieste, promosso dal sindaco Roberto Cosolini.

Ricordando le precedenti riunioni e il comune impegno profuso per far fronte alla situazione economica della città, il sindaco Roberto Cosolini ha sottolineato la valenza operativa di questo incontro di lavoro con la presenza del ministro Clini, come un'opportunità per "tratteggiare assieme la strada di una non facile strategia di sviluppo per questo territorio".

Cosolini ha così affrontato i principali temi oggetto dell' incontro: dall'evoluzione della questione dei SIN alla vicenda della Ferriera di Servola, dalla possibilità di sviluppo di una filiera imprenditoriale legata all'energia pulita e alla green economy allo sviluppo turistico (sia culturale che crocieristico, oltre che relativo alla sempre migliore presentabilità complessiva della città, da realizzare anche attraverso i nuovi strumenti del Piano regolatore e del traffico), dalle potenzialità relative alla vocazione portuale della città alle problematiche dei trasporti, con il necessario aumento dei collegamenti ferroviari anche per le movimentazioni delle merci oltre che dei passeggeri.

Il primo cittadino ha inoltre evidenziato il parere chiaro e netto, sia dal punto di vista politico che tecnico, espresso recentemente dal Consiglio comunale in merito al rigassificatore.

Nel sottolineare come quest' incontro faccia seguito a contatti già intercorsi con il sindaco Cosolini su questi temi, il ministro Corrado Clini ha dal canto suo evidenziato le novità introdotte dalle nuove norme che consentono di sbloccare la situazione di stallo dei SIN di Trieste attraverso le riperimetrazioni delle aree e i nuovi criteri.

In particolare, ha spiegato Clini, il decreto legge sulle semplificazioni introduce una norma per la quale "è sufficiente la messa in sicurezza per la deindustrializzazione", facendo cioè valere il principio che "un sito industriale è pericoloso se non è gestito".

Un'altra importante norma consentirà di superare l'empasse relativa ai dragaggi, permettendo entro fine marzo-metà aprile di gestire in sicurezza tutte le operazioni di dragaggio.

Sempre sui SIN, il ministro Clini ha inoltre confermato che per questo sabato (3 marzo) si terrà in Prefettura a Trieste un tavolo di lavoro per definire una "road map" che porti rapidamente all'obiettivo.

Nel suo intervento Clini ha toccato anche il complesso nodo della riconversione della Ferriera, prefigurando la possibilità che quest'area divenga sede di altre attività produttive rispettose dell'ambiente (magari in sinergia con gli incubatori presenti sul territorio) e ciò attraverso il recupero di finanziamenti europei, in grado di favorire soluzioni positive in termini di occupazione.

Dal ministro è venuto anche l'impegno a sostenere la necessità di migliori collegamenti ferroviari per Trieste, anche in considerazione della situazione relativa all'autostrada A4 che, in attesa della terza corsia, sta creando difficoltà ambientali di non poco conto per l'eccessivo traffico di mezzi pesanti (il 92% delle merci viaggia su strada).

"Il ministro Clini -ha commentato al termine della riunione il sindaco Roberto Cosolini- ha indicato una linea d'azione innovativa per quanto riguarda l'annosa questione dei SIN. Fondamentale sarà la decisione sulla destinazione d'uso delle aree interessate, in base alla quale sarà redatta l'analisi del rischio, decisione che spetta alle autorità locali.

Positivo anche il metodo di lavoro scelto dal Ministro, un serrato programma di incontri in collaborazione con le istituzioni locali che ci vedrà al lavoro già questo sabato mattina, per il tavolo convocato in Prefettura".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Storie del territorio: perché il Friuli Venezia Giulia non è "il Friuli"

social

Ricette tipiche della Carnia: i Cjarsons

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Il Fvg resta in zona arancione

  • Cronaca

    Covid: i guariti superano i contagi, in calo terapie intensive e isolamenti

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento