rotate-mobile
Cronaca

"Riflesi de Luna" Vince il Referendum del Festival della Canzone Triestina

Grande successo per il 26.o Referendum Musicale Cittadino – per la prima volta on line – quale sondaggio ufficiale del 33.o Festival della Canzone Triestina, che incorona come canzone vincitrice "Riflesi de Luna" di Alfredo Spizzamiglio...

Grande successo per il 26.o Referendum Musicale Cittadino - per la prima volta on line - quale sondaggio ufficiale del 33.o Festival della Canzone Triestina, che incorona come canzone vincitrice "Riflesi de Luna" di Alfredo Spizzamiglio, interpretata dal duo Ardito-Mantio (in foto).

CLICCANDO QUI potete vedere tutte le foto della serata del Rossetti con i protagonisti dell'ultimo Festival della Canzone Triestina, messo in scena dall'inossidabile Fulvio Marion.

I voti pervenuti sono stati ben 6855 e i quindici video caricati in questo sito sono stati visti anche in Europa e in molti altri paesi come l'Australia, l'Argentina, il Brasile e gli Stati Uniti. Il "link" è stato condiviso moltissimo nei vari social network, oltre a visualizzazioni provenienti da chat, email e fonti sconosciute, come pure attraverso diversi canali non ufficiali.

C'è stata pertanto una capillare diffusione dei quindici brani in lizza in questo 33.o Festival Triestino al Politeama Rossetti, e quindi il sistema internet si è confermato ampiamente come un significativo mezzo promozionale per far conoscere e apprezzare anche questo recente repertorio di brani della canzone dialettale triestina d'autore, sorta come manifestazione canora competitiva nel lontano 1890 per un evento che ha lanciato motivi popolarissimi come "Trieste mia", e un repertorio modernizzato poi da Lelio Luttazzi e Teddy Reno ed oggi da diversi protagonisti del Festival, oltre al portabandiera Lorenzo Pilat.

Il brano vincitore è "Riflesi de luna" (2136 voti), un'armoniosa e piacevole composizione scritta da Alfredo Spizzamiglio per i due interpreti Davide Ardito e Adriano Mantio affiancati dai ballerini del Club Diamante. Il testo illustra le attrattive naturali di Trieste, ottimisticamente proiettate nella realtà cittadina per un futuro migliore e ricco di speranze.

Seconda è la simpatica "Co se diventa veci" (1773) del cantautore Dario Bolsi; un toccasana per la salute - sottolinea il testo - è un buon bicchiere di vino accompagnato da uno spuntino "doc".

Terza è la ritmata "No te digo" (1036) di Giuseppe Perrella per il suo gruppo degli Ultrabullots in cui si illustra una vivacissima festa dei ragazzi d'oggi. Ottime visualizzazione anche per diverse altre canzoni, tra cui la vincitrice al Politeama "Cuor de mama" e le altre premiate.

La "rete" di internet ha dunque dimostrato apprezzabile interesse e attenzione per il Festival, un mondo poetico-musicale avviato pertanto ad espandersi e a diffondersi ben oltre i confini locali. Va sottolineato infine l'impegno dei promotori del 33.o Festival Triestino al Politeama che è doveroso citare: l'associazione Meta Turisti, gli Amici del Festival della Canzone Triestina, l'Unione Italiana Ciechi di Trieste, Manuel Termini e Loretta Califra, il team di Fulvio Marion ideatore dell'annuale evento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Riflesi de Luna" Vince il Referendum del Festival della Canzone Triestina

TriestePrima è in caricamento