rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Cronaca

"Rigassificatore: le Verita' Negate" da Oggi nelle Edicole Triestine

Presentata a Trieste, al Caffè Tommaseo, la pubblicazione "Dal rigassificatore di Trieste all'elettrodotto del Friuli: le verità negate. Informativa ragionata sulla questione della strategia energetica regionale", uno studio curato dal Gruppo...

Presentata a Trieste, al Caffè Tommaseo, la pubblicazione "Dal rigassificatore di Trieste all'elettrodotto del Friuli: le verità negate. Informativa ragionata sulla questione della strategia energetica regionale", uno studio curato dal Gruppo consiliare regionale dei Cittadini-Libertà Civica, che sarà distribuito da domani gratuitamente nelle edicole di Trieste e provincia, nell'area di Monfalcone e di Grado, ed è scaricabile dal sito www.libertacivica.org
Stefano Alunni Barbarossa ha spiegato le ragioni che hanno portato i Cittadini a sostenere in più occasioni, in Consiglio regionale, una posizione contraria all'ipotizzata realizzazione del rigassificatore di Zaule alle porte di Trieste.

"Compito della politica, di una politica illuminata e coerente - ha sostenuto Alunni Barbarossa - deve essere quello di basarsi su pareri tecnici e scientifici per prendere decisioni giuste e positive per la cittadinanza.

Il rigassificatore è solo la punta dell'iceberg della questione energetica: il bisogno di energia da parte della popolazione è un dato di fatto, è necessario averne a disposizione per vivere bene. Il punto, quindi, diventa come ottenere soluzioni tecniche di approvvigionamento energetico adeguate ai bisogni del nostro territorio, che siano prima di tutto sicure per la popolazione, che rispettino l'ambiente e che siano capaci di portare miglioramenti alla vita quotidiana dei cittadini sotto l'aspetto economico".

"Su queste premesse - ha proseguito Alunni Barbarossa - i Cittadini, e io in primis, abbiamo scelto di basarci sulle conclusioni del Tavolo tecnico sul rigassificatore di Zaule, organo composto da esperti del settore italiani e sloveni, che ha elaborato uno studio critico con una valutazione oggettiva dei rischi industriali e antropici, al di là di qualsivoglia scelta ideologica.

Per questo, con la nostra pubblicazione tentiamo di ragionare su una soluzione alternativa al rigassificatore di Zaule, che coinvolga anche Slovenia e Croazia nei costi e nei benefici, per creare benessere - sotto forma di lavoro, collaborazione ed economie di scala - per tutte le comunità vicine, in modo sicuro ed economicamente performante, senza alcun impatto ambientale. Scalzando la logica del "non se pol", attraverso l'adozione di un'alternativa valida, più moderna ed efficace, così come nei programmi dei Cittadini per la nostra regione".


In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Rigassificatore: le Verita' Negate" da Oggi nelle Edicole Triestine

TriestePrima è in caricamento