menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Trieste, la Bella Addormentata" Presentazione Ieri con Illy, Dipiazza e Cosolini

Nella splendida cornice dell'Hotel Savoia a Trieste è stato presentato il libro di Beniamino Pagliaro "Trieste, la bella addormentata".Alla presentazione hanno partecipato Riccardo Illy, Roberto Dipiazza e Roberto Cosolini, ovvero i "governatori"...

Nella splendida cornice dell'Hotel Savoia a Trieste è stato presentato il libro di Beniamino Pagliaro "Trieste, la bella addormentata".
Alla presentazione hanno partecipato Riccardo Illy, Roberto Dipiazza e Roberto Cosolini, ovvero i "governatori" della città dai primi anni novanta a tutt'oggi.
Ha "aperto le danze" il più "anziano" di mandato, ovvero Illy, che ha iniziato ragionando su come sia cambiata la politica dalla sua elezione (1993) a oggi. "Quando la politica è buona, porta a risultati buoni, ora c'è un'inversione di tendenza, prima degli interessi dei cittadini, del bene pubblico, ci sono gli interessi personali, poi quelli degli amici e della famiglia, poi del partito e della coalizione". "Fare politica "buona" così, è un arduo compito".
"Fare il Sindaco è l'unica carica politica che permette di sognare, e di veder realizzati i sogni al termine del mandato", esordisce Dipiazza, "perchè il Sindaco ha il dovere e il privilegio di essere il primo "nazionalista" della propria città".
In quello interviene l'autore,"Trieste ha delle caratteristiche anomale, tipiche del meridione, moltissimi dipendenti pubblici, poca imprenditoria locale e 108mila pensionati".
Gli risponde Cosolini "è vero c'è una bassa competitività a Trieste e si sente sempre parlare di immobilismo"." Ma c'è anche da dire, che quando qualcuno prova a cambiare qualcosa in città, è coperto di lamentele". "Ma oggi siamo ad un punto di svolta, Trieste è davanti ad una scelta: o un declino "dorato" o la scelta di giocarsela quest'opportunità, fino in fondo"."I baci che dovrebbe ricevere ora "la bella addormentata" dovrebbero essere quelli della politica locale, dello spirito imprenditoriale e qualche bacino dal Governo Nazionale e Regionale".
Beniamino viene interrogato su come sia stato intervistare Giulio Camber, nota personalità non solo politica a Trieste, "dall'intervista nel libro emerge la spiegazione del "personaggio Camber" e del perchè di alcune scelte che ha fatto e del suo "giuramento d'amore" con Trieste". Ma non vuole sbilanciarsi sui contenuti, per non anticipare niente del suo lavoro.

Sulla politica di oggigiorno tutti e 3 i Sindaci sono d'accordo, c'è bisogno di un cambiamento. "C'è la totale assenza di un leader, di un programma e di un cambiamento nel panorama italiano ed europeo, a opinione di Illy."La politica non dev'essere un mestiere, è stata tolta ai cittadini anche la possibilità di "scegliere" la persona da votare, bisogna stare attenti, perchè prima o poi "il popolo dei 1000 euro al mese" si ribellerà", a detta di Dipiazza, mentre per Cosolini "Il cambiamento è già in atto, in corso d'opera, io sono sicuro che la mia non è stata una vittoria politica o di partito, ma di programma". "Cercherò in tutti i modi di ricreare passione civile ed entusiasmo, per avere di nuovo una politica credibile".
Speriamo che le parole dei 3 "governatori" si trasformino in baci, e che riescano, come si auspica Beniamino e il copioso pubblico accorso alla presentazione, a risvegliare Trieste, la bella addormentata.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Storie del territorio: perché il Friuli Venezia Giulia non è "il Friuli"

social

"Paga per sbloccare il pacco": la nuova truffa via sms

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Il Fvg resta in zona arancione

  • Cronaca

    Covid: quasi 5 mila controlli nell'ultima settimana, 37 le sanzioni

  • Cronaca

    In giro con coltello a serramanico: denunciato

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento