Cronaca

Maxi sequestro di mascherine irregolari in Porto: quasi 500mila pezzi

I dispositivi, parte di una fornitura turca, sarebbero stati destinati alla Polizia e al personale sanitario, in particolare in Piemonte, dove di recente sarebbero avvenuti altri sequestri analoghi

Sequestrate 480mila mascherine dalla Guardia di Finanza e dall'Agenzia delle Dogane di Trieste nel Porto. Come rivela il giornale radio del Tgr Rai Fvg, i Dpi non erano conformi alle norme di sicurezza e sono stati sequestrati nell'ambito di un'inchiesta aperta dalla Procura di Trieste su una fornitura turca.

I dispositivi sarebbero stati destinati alla Polizia e al personale sanitario, in particolare in Piemonte , dove di recente sarebbero avvenuti altri sequestri analoghi.I dispositivi sarebbero giunti a Trieste dalla Turchia, destinati a un fornitore milanese che si sarebbe dichiarato parte lesa nella vicenda.

L'inchiesta sarebbe partita mesi fa ma la notizia si è diffusa soltanto ieri. Non si tratterebbe del primo sequestro di mascherine non conformi nello scalo giuliano (si veda il sequestro dei Nas in un negozio alla fine dell'anno scorso).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maxi sequestro di mascherine irregolari in Porto: quasi 500mila pezzi

TriestePrima è in caricamento