Domenica, 17 Ottobre 2021
Cronaca

Pisicina terapeutica, la petizione si chiude con oltre 9mila firme

Si è conclusa oggi in piazza Borsa la raccolta firme avviata a luglio 2020. La portavoce del Coordinamento "Nuova piscina terapeutica", Federica Verin: "Pronti a collaborare con la prossima giunta mettendo a disposizione il nostro know how"

Il Coordinamento "Nuova piscina terapeutica" ha concluso oggi in piazza della Borsa la raccolta firme avviata a luglio 2020. Sono oltre 9mila i firmatari che reclamano il ripristino o la costruzione di una nuova Acquamarina. "E' stato un anno e mezzo faticoso ma siamo riusciti a gestire l'attività dei banchetti per un lungo periodo, anche con condizioni meteorologiche poco favorevoli e difficoltà oggettive a far arrivare qui le persone" ha dichiarato Federica Verin, portavoce del Coordinamento, specificando che molti ex utenti dell'Aquamarina "sono persone fragili o con difficoltà".

La portavoce ha quindi espresso soddisfazione per il risultato raggiunto: "Grazie a questa iniziativa siamo riusciti a mantenere alta l'attenzione sul tema, anche in prossimità delle elezioni. Auspichiamo che la nuova giunta ci ascolti subito per iniziare un percorso di stretta collaborazione: vogliamo mettere a disposizione il nostro know how per realizzare una piscina adeguata sia in termini di accessibilità che in termini di impianti e bisogni".

Nel corso della raccolta firme sono infatti emerse diverse criticità a partire dagli spogliatoi che dovrebbero essere realizzati per venire incontro alle diverse esigenze delle persone con disabilità, all'accesso in piscina. "Siamo pronti a portare avanti un progetto migliore per questa comunità" ha aggiunto Verin. Al banchetto di piazza della Borsa presente anche il candidato sindaco del centrosinistra Francesco Russo che ha preferito non rilasciare dichiarazioni per rispettare il silenzio elettorale che, ricordiamo, non vale per il web.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pisicina terapeutica, la petizione si chiude con oltre 9mila firme

TriestePrima è in caricamento