rotate-mobile
Cronaca

“Abbiamo riso per una cosa seria”, in città la raccolta fondi a favore dell'agricoltura familiare

"Abbiamo riso per una cosa seria": presentata in municipio la campagna di raccolta fondi per l'agricoltura familiare in italia e nel mondo che si terrà anche a Trieste, sabato 14 e domenica 15 maggio

Anche a Trieste, sabato 14 e domenica 15 maggio, si terrà la Campagna nazionale della FOCSIV “Abbiamo riso per una cosa seria”, per la raccolta di fondi a favore dell'agricoltura familiare in Italia e nel mondo. Un'iniziativa giunta alla XIV edizione, che ha il patrocinio del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali e testimonial l'attore Antonello Fassari e lo chef pluristellato Giancarlo Perbellini, e che vede la collaborazione di ACCRI, Coldiretti e Campagna Amica, con l'adesione anche delle Chiese Evangeliche metodista e valdese e della Comunità di San Martino al Campo che come negli anni scorsi seguirà i banchetti nelle piazze.
Illustrata stamane in Municipio, alla presenza della Vicesindaca, di Paola Zanzi di ACCRI, Alessandro Muzina di Coldiretti Trieste, Ruggero Marchetti pastore delle Chiese Evangeliche, Miriam Kornfeind della Comunità di San Martino al Campo, l'iniziativa si svolgerà a livello nazionale in 1000 piazze italiane, nei mercati di Campagna Amica e nelle parrocchie, con circa 4000 volontari che offriranno pacchi di riso 100% italiano della nostra filiera agricola, per una donazione minima di 5 euro.

Sono 38 gli interventi di agricoltura familiare realizzati nelle aree più povere del mondo a sostegno di 114.248 famiglie di contadini e, in Italia, il Villaggio solidale realizzato insieme a Coldiretti, per dare ospitalità agli immigrati, garantendo loro un regolare contratto per la raccolta stagionale del pomodoro nelle imprese agricole della stessa Coldiretti.

L'Accri, con la raccolta fondi sosterrà in particolare la realizzazione del progetto 'Gocce di Vita', che intende affrontare il problema alimentare in Kenya, a Iriamurai, per fronteggiare la cronica carenza d'acqua, con l'obiettivo di potenziare e moltiplicare i sistemi di approvvigionamento idrico per l'incremento della produzione agricola. E' prevista l'installazione di 150 cisterne domestiche, 40 vasche di raccolta e 3 punti di distribuzione collegati alla rete idrica.

In questa direzione, la raccolta fondi con i pacchi di riso – è stato detto – evidenzia l'alleanza tra i contadini del Nord e del Sud del mondo con i consumatori, mettendo al centro le persone e il lavoro dei campi, i territori e le tradizioni locali, le biodiversità e la salvaguardia dell'ambiente.                      

A Trieste i banchetti per la raccolta saranno allestiti sabato 14 e domenica 15 maggio, dalle 9 alle 19, in piazza della Borsa, inoltre in via delle Torri (solo il sabato, per l'intera giornata), in Campo San Giacomo (sabato mattina, in occasione del mercato di Campagna Amica della Coldiretti), in piazza Goldoni (sabato pomeriggio, a cura della Comunità Metodista), e, solo la domenica, in piazza San Giovanni e in piazzetta San Silvestro (in quest'ultima a cura della Comunità Valdese); la raccolta sarà infine operante presso le 20 parrocchie cattoliche triestine che partecipano all'iniziativa (vedi le relative “coordinate” sul sito www.abbiamorisoperunacosaseria.it/le-piazze/).

I pacchi di riso così ricevuti potranno eventualmente venir lasciati ai volontari presenti che  provvederanno successivamente a consegnarli quale offerta alla Comunità di San Martino al Campo.

Un ringraziamento, infine, è stato rivolto proprio ai tanti volontari che saranno all'opera in queste giornate contribuendo con il loro prezioso aiuto alla riuscita della “campagna”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Abbiamo riso per una cosa seria”, in città la raccolta fondi a favore dell'agricoltura familiare

TriestePrima è in caricamento